Giornata nazionale della persona con sindrome di Down, le iniziative a Mestre e Venezia

Giovanni e Carlo hanno un lavoro che amano, fanno sport, studiano musica, escono con gli amici. Sono felici della vita che vivono e vorrebbero che fosse così anche per tutte le altre persone che, come loro, hanno la sindrome di Down. Sono stati proprio i due giovani soci di Aipd onlus (Associazione italiana persone Down) ad aprire la conferenza stampa svoltasi a Mestre per presentare la Giornata nazionale della persona con sindrome di Down, a testimonianza del fatto che davvero, come recita lo slogan della 13. edizione della Giornata, “Un futuro più indipendente è un futuro possibile”. All’incontro sono intervenuti l’assessore comunale alla Coesione sociale, Simone Venturini, il presidente e la coordinatrice di Aipd onlus (Associazione italiana persone Down) – sezione di Venezia-Mestre, Silvia Bologna e Francesca Pinto.

Anche quest’anno, in oltre 200 piazze italiane, i volontari delle associazioni aderenti al CoorDown offriranno tavolette di cioccolato in cambio di un contributo (minimo 5 euro) per sostenere i progetti di autonomia e inclusione rivolti alle persone con sindrome di Down e garantire loro una migliore qualità della vita e un futuro più sereno. A Mestre gli stand saranno presenti sabato e domenica, dalle ore 9 alle 18, in piazzetta Coin, domenica mattina in piazza Carpenedo e sabato nel negozio Deichmann all’interno del centro commerciale Auchan e in zona Darsena all’Aeroporto Marco Polo; a Marghera sabato nel negozio Sme; a Noale sabato pomeriggio e domenica negli spazi della Loggia comunale; a Mirano domenica in piazza Errera. A Venezia, invece, le tavolette di cioccolato potranno essere acquistate domenica in Campo San Polo, Campo Santo Stefano, e salizada San Francesco della Vigna.

“Le belle realtà, come quella di Aipd – ha sottolineato l’assessore Venturini – che stanno in piedi con le loro gambe e che offrono il loro prezioso contributo senza chiedere assistenzialismo, sono veri esempi di quella sussidiarietà a cui sempre dovrebbero ispirarsi i rapporti tra le istituzioni e i cittadini. Invito tutti a visitare sabato e domenica gli stand dell’associazione per conoscere più da vicino persone, come Carlo e Giovanni, per cui il lavoro è più passione che fatica”.

Tra i progetti di Aipd di Venezia Mestre, raccontati da Francesca Pinto e Silvia Bologna, anche quello di una guida turistica di Venezia ad alta comprensibilità, realizzata dai ragazzi dell’associazione nell’ambito dei progetti europei Smart tourism e Turisti non per caso, pubblicata lo scorso anno in italiano e la cui versione in inglese, già pronta, non ha ancora potuto essere stampata per mancanza di fondi.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin