Bologna, Opificio Golinelli un nuovo spazio di 9 mila mq per la ricerca e la sperimentazione

Inaugurato l’Opificio Golinelli, la cittadella per la conoscenza e la cultura della Fondazione Golinelli, sorto in via Paolo Nanni Costa. Sono stati presentati i nuovi contenuti di “Educare a Educare”, l’area progettuale dedicata all’aggiornamento e alla formazione permanente degli insegnanti di ogni ordine e grado per la costruzione di una nuova didattica in classe e laboratorio. Dopo i saluti istituzionali, tra cui quello dell’assessore alla Scuola Marilena Pillati, si sono tenute le due lezioni inaugurali con il linguista Tullio De Mauro e il comunicatore britannico Graham Brown-Martinsi. “Punti di forza della scuola italiana” era il titolo dell’intervento di De Mauro, professore emerito di Linguistica generale, esperto di didattica e modelli di apprendimento; Graham Brown‐Martin, già fondatore di Learning Without Frontiers, il summit sull’apprendimento digitale, ha tenuto una conferenza dal titolo “Il giro del mondo alla scoperta di buone pratiche di insegnamento e apprendimento”. La conclusione è stata affidata alla creazione di Apparati Effimeri che ha appositamente progettato un 3D mapping per la nuova architettura. Il gruppo, nato a Bologna nel 2008, lavora nel campo del visual design. Le pareti di Opificio Golinelli diventano schermi attivi e animati per le proiezioni video che illustrano in maniera non didascalica ma evocativa le diverse aree progettuali della Fondazione Golinelli.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin