Parco di Monza, dal Comune di Milano via libera ad accordo per valorizzare Parco, Villa e Autodromo

Un accordo strategico per rafforzare e valorizzare il Parco di Monza, l’Autodromo e la Villa. La Giunta comunale di Milano ha dato il via libera alla delibera che approva il protocollo d’intesa tra Palazzo Marino, Comune di Monza e Regione Lombardia per sostenere la difesa e lo sviluppo di uno degli ambiti paesaggistici e monumentali più importanti del Paese. La delibera passerà ora all’esame del Consiglio comunale.

Nello specifico l’accordo, al fine di migliorare la tutela di questo rilevante patrimonio pubblico, prevede il riordino degli assetti proprietari del Parco di Monza (attualmente in comproprietà indivisa dei Comuni di Milano e Monza) con l’ingresso di Regione Lombardia e la definizione di un piano complessivo di valorizzazione del parco.

A fronte del suo ingresso nella proprietà del Parco – con una quota uguale a quella degli altri due enti pubblici – il Pirellone garantirà al Consorzio “Villa Reale e Parco di Monza” (che rappresenta l’Ente di gestione) investimenti pari a 7 milioni di euro all’anno per dieci anni.

Tali risorse saranno finalizzate alla difesa e valorizzazione del polmone verde, alla promozione di una fruizione attenta e consapevole delle attività svolte nel complesso, nel rispetto delle sue valenze storiche, culturali, paesaggistiche e naturalistiche. Non solo, parte delle risorse saranno impiegate anche per la riqualificazione dell’Autodromo, la cui attività – a cominciare dallo storico Gran Premio di Formula 1 – svolge un ruolo centrale per la funzione sociale,  sportiva e per la rilevante incidenza sull’economia dei territori circostanti.

9 su 10 da parte di 34 recensori Parco di Monza, dal Comune di Milano via libera ad accordo per valorizzare Parco, Villa e Autodromo Parco di Monza, dal Comune di Milano via libera ad accordo per valorizzare Parco, Villa e Autodromo ultima modifica: 2015-09-19T00:01:54+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento