Grassano, non è possibile che 31 comuni vadano a conferire in una sola discarica senza avere alternativa

“Circa una settimana fa il Comune di Grassano veniva informato sulla criticità dell’impianto per lo stoccaggio dei rifiuti “LA RECISA” insistente sul territorio di Pisticci dove conferiscono non solo Grassano ma tutti i 31 comuni della Provincia di Matera.

La criticità evidenziata – dichiara in una nota il sindaco di Grassano Francesco Sanseverino – fa riferimento non solo alla saturazione della superficie per lo stoccaggio,circa 4 mesi di autonomia, ma soprattutto al malfunzionamento dell’impianto che ha messo in crisi tutti i Comuni della provincia materana.

Queste sono le cause che hanno provocato un grande disagio alla cittadinanza di Grassano sia da un punto di vista igienico-sanitario che ambientale per non parlare del decoro urbano. Non e’ stato possibile conferire in discarica nei giorni di martedì e mercoledì.

Un ritiro straordinario nella giornata di giovedi – spiega Sanseverino – , ci ha permesso di garantire almeno un parziale svuotamento dei cassoni oramai stracolmi di rifiuti e di avere così una leggera autonomia per venerdì. Regna un incredibile clima di totale incertezza per il proseguo del servizio di smaltimento dei rifiuti solidi urbani.

Non e’ assolutamente concepibile che i 31 comuni vadano a conferire in una sola discarica senza avere alternativa. Stiamo aspettando chiarimenti e direttive Regionali sia per l’immediato ma soprattutto per un progetto strategico capace di risolvere definitivamente il problema. Il mio appello e un ringraziamento ai cittadini, che pur giustamente lamentano questo disagio, vorranno in questi giorni collaborare seguendo le disposizioni che ci verranno impartite”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Grassano, non è possibile che 31 comuni vadano a conferire in una sola discarica senza avere alternativa Grassano, non è possibile che 31 comuni vadano a conferire in una sola discarica senza avere alternativa ultima modifica: 2015-09-06T00:08:12+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento