Muro Lucano, seconda edizione delle Ruraliadi

Prendono il via oggi le Olimpiadi della Ruralità, iniziativa che coinvolgerà quindici comuni alle prese con i giochi del passato. “Alle 20 – fa sapere il Comune – ci sarà la cerimonia di apertura, che sarà seguita dalla parata di tutte le squadre. Subito dopo si disputerà la prima gara (Palio del sacco), con i partecipanti che dovranno seguire un percorso e tagliare il traguardo saltando all’interno di un sacco. La prima tappa a Muro Lucano non è casuale visto che proprio la delegazione murese trionfò in occasione della prima edizione”. L’evento è promosso “dal Gal Marmo Melandro e realizzato dalla Cooperativa Iridia, e vanta un grosso seguito maturato nella prima edizione, quando nelle varie tappe lucane i partecipanti hanno avuto modo di divertirsi e instaurare nuove amicizie” Non mancheranno stand gastronomici “in cui sarà possibile degustare piatti tipici lucani” e la piacevole musica dei Renanera “che si esibiranno in concerto nella centralissima Piazza Don Minzoni”. Dopo la tappa di Muro Lucano ce ne saranno altre quattordici fino al 26 settembre. A seguire infatti, le gare si svolgeranno nei comuni di Sasso di Castalda, Sant’Angelo Le Fratte, Savoia di Lucania, Satriano di Lucania, Castelgrande, Picerno, Tito, Pescopagano, Balvano, Brienza, Baragiano, Ruoti, Bella e infine Vietri di Potenza. “Non ci sarà solo il Palio del Sacco – spiegano dal Comune murese – ma anche Tiro alla fune, Palo della Cuccagna e tanti altri giochi che coinvolgeranno oltre duecento atleti”. “Devo dire che quella delle Ruraliadi – dice il sindaco Gerardo Mariani – è stata una grande intuizione. C’è un clima sano e coinvolgente e questo non è che un bene. Speriamo che la nostra squadra possa bissare il successo della prima edizione”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Muro Lucano, seconda edizione delle Ruraliadi Muro Lucano, seconda edizione delle Ruraliadi ultima modifica: 2015-08-19T01:12:48+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento