Venezia, targa Miramare a Giovanni Pierobon una vita per il bene del Lido

Sabato 8 agosto, a mezzogiorno, all’ingresso della spiaggia “Miramare” al Lido, si svolgerà la cerimonia per la consegna di una targa a Giovanni Pierobon, con la scritta “Il suo Lido sempre nel cuore”. Residente al Lido, dove è nato, Pierobon ha sempre operato per il bene e lo sviluppo dell’isola, con particolare impegno negli anni in cui è stato il delegato del sindaco per il Lido. Un’altra targa sarà dedicata alla memoria di Roberto Jereb, medico ortopedico, scomparso lo scorso novembre, che ha operato all’Ospedale al mare e all’Istituto San Camillo, dedicandosi con passione, capacità, generosità alla cura dei pazienti. Interverrà l’assessore comunale al Bilancio, Michele Zuin, del Lido.

Voluta dal giornalista Giovanni Battista “Titta” Bianchini, e giunta alla 19.ma edizione, la targa con il Leone di San Marco celebra la continuità di una attività di stabilimento balneare che ha più di un secolo di vita, rivolta in particolare alle famiglie veneziane: risale al 1895 la costituzione della “Impiegati civili: bagni di mare tra impiegati e professionisti”, oggi al “Miramare”. Per questo, la targa onora ogni anno persone che, a diverso titolo, si sono distinte per continuità: nel 1997 Rino Valtellina, di Trento, da 40 anni ospite della “Impiegati civili”; nel 1998 Luciano Milani, con 60 anni di capanna alla “Impiegati civili”; nel 1999 Heron Vitaletti, per oltre 40 anni alla Rai (fu sua l’applicazione della moviola ai servizi sportivi); nel 2000 padre Arturo Tait, dei Camilliani, da 41 anni direttore del “San Camillo”; nel 2001 il panificatore Alfredo Rizzo, continuatore di una ultracentenaria attività di famiglia; nel 2002 Luciano Fabris, per oltre mezzo secolo salumaio al Lido e attivo nel volontariato verso gli anziani; nel 2003 Corrado Tiozzo, di Ca’ Bianca, per 30 anni autista all’Actv e volontario alla guida di un pulmino per ammalati e disabili; nel 2004 Sidonia Tubioli Sturaro, da mezzo secolo cuoca in vari locali dell’isola; nel 2005 fra Cesare Zambarda, infermiere, dal 1965 al San Camillo, che presta la propria opera nelle case di anziani; nel 2006 a Cesarina, Luisa, Antonietta Pradel, per mezzo secolo cuoche nei locali di famiglia al Lido; nel 2007 a Gracco Crevato-Selvaggi, dal 1970 direttore della Sezione di Venezia della Società di salvamento; nel 2008 a Lorenzo Mayer, giornalista professionista, dal 1997 corrispondente dal Lido del Gazzettino; nel 2009 a mons. Cesare Zanusso, dal 1992 parroco a Sant’Ignazio e poi anche arciprete di Malamocco; nel 2010 ad Augusto Pulliero, giornalista professionista, da oltre trent’anni studioso e divulgatore della laguna e della salvaguardia; nel 2011 a Giuliano Penzo, di Malamocco, che si dedica all’assistenza ad anziani e ammalati e alla raccolta di offerte e cibo per i bisognosi; nel 2012 a Benito “Pippo” Garbisa, da 34 anni gestore dell’omonimo stabilimento balneare, il bagnino più anziano d’Italia, decorato al valore per salvataggi in mare; nel 2013 a Roberto Scarpa, operatore turistico, presidente provinciale dell’Unione cavalieri d’Italia, alla guida di numerose associazioni benefiche; nel 2014 a Roberto Chimisso, campione azzurro ed europeo di nuoto, che da 40 anni insegna il nuoto a giovanissimi al Lido.

A conclusione della cerimonia, sarà offerto un piccolo rinfresco.

9 su 10 da parte di 34 recensori Venezia, targa Miramare a Giovanni Pierobon una vita per il bene del Lido Venezia, targa Miramare a Giovanni Pierobon una vita per il bene del Lido ultima modifica: 2015-08-05T00:14:17+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento