Roma Villa Ada, lavori in ritardo per tutela patrimonio archeologico. Area riaperta a inizio agosto

I lavori nell’area chiusa di Villa Ada, avviati dopo la caduta degli alberi lo scorso inverno, si sono protratti per le caratteristiche del terreno e per la presenza di catacombe nel sottosuolo. Lo fa sapere l’assessore all’Ambiente, Estella Marino.

La Soprintendenza statale, spiega l’Assessore, “ha dato ai giardinieri capitolini precise prescrizioni”, rendendo necessario – “anziché procedere all’abbattimento delle alberature” – un intervento più delicato: prima potando e poi, “partendo dall’alto fino a scendere, sezionando i tronchi, albero per albero”.

“Una tecnica richiesta per evitare danni al terreno”, prosegue Estella Marino, “dove a poca profondità ci sono le catacombe e che ha richiesto e richiede tempi inevitabilmente più lunghi”. A fronte del ritardo, però, l’intenzione è di “portare a termine i lavori il prima possibile e restituite l’area della villa ai cittadini. Per questo motivo, il Servizio Giardini ha potenziato la sua presenza a supporto della ditta che sta intervenendo”. Si prevede così, conclude l’Assessore, “di rendere l’area fruibile ai romani e ai turisti i primi giorni di agosto”.

Lascia un commento