Vicenza, miglioranza e il Teatro Berga. Disegni dall’800, immagini di oggi

Fino al 27 settembre il Chiericati Underground ospita la mostra “Miglioranza e il Teatro Berga. Disegni dall’800, immagini di oggi” con 25 disegni di Giovanni Miglioranza (Vicenza, 1798-1861), architetto vicentino che si dedicò per buona parte della sua vita allo studio e agli scavi dell’antico Teatro romano di Berga.

“Questa mostra è una sorta di workshop seminariale, di dimensioni ridotte, che ha la capacità di far comprendere il senso del lavoro di approfondimento e di studio che spesso sfugge al grande pubblico ma che produce interessanti risultati in termini di conoscenza del nostro passato – ha spiegato il vicesindaco e assessore alla crescita Jacopo Bulgarini d’Elci -. La mostra offre quindi l’opportunità di scoprire aspetti ignoti ed estremamente interessanti di un pezzo di città su cui si ergeva l’antico Teatro Berga, oggi scomparso, ma di cui resta ancora qualche traccia, tra Porton del Luzzo e Palazzo Gualdi, oltre che i reperti conservati al museo Naturalistico e archeologico e i disegni di Miglioranza”.

La mostra è stata illustrata alla stampa dalle curatrici Chiara Signorini ed Elena Cimenti e da Marco Zorzanello, autore delle foto esposte. Erano presenti inoltre per la Soprintendenza archeologia Cinzia Rossignoli e per il Centro di cultura fotografica Matteo Cocco, presidente, e Giulio Bernardi e per il museo Naturalistico e archeologico Armando Bernardelli.

I disegni, conservati nel Gabinetto disegni e stampe di Palazzo Chiericati, illustreranno piante, spaccati e prospetti realizzati dall’architetto nell’arco di trent’anni, prima basandosi sullo studio dei pochissimi resti visibili nell’Ottocento e successivamente grazie agli scavi diretti dallo stesso Miglioranza. Buona parte dei fogli esposti sono dedicati infatti ai reperti archeologici rinvenuti proprio durante questi lavori: statue, capitelli, cornicioni delineati dall’architetto, che rivelano le sue doti nel disegno e nel chiaroscuro. Non mancherà il confronto tra l’ipotesi ricostruttiva del Miglioranza e l’articolazione planimetrica del teatro elaborata alla luce dei risultati degli interventi di scavo, rilievo e restauro delle strutture antiche diretti dalla Soprintendenza Archeologia negli ultimi decenni. Questo confronto sarà possibile grazie ad un video, realizzato dall’architetto Fabrizio Burtet Fabris, che proporrà inoltre la ricostruzione 3D del Teatro basata sui disegni del Miglioranza.

Le opere provengono dalle collezioni grafiche di Palazzo Chiericati, mentre due disegni sono esposti grazie al prestito dalla Biblioteca Civica Bertoliana.

Per l’occasione, il Museo Naturalistico Archeologico di Santa Corona, che espone in una sala dedicata la statuaria e gli elementi architettonici del teatro disegnati dal Miglioranza, sarà accessibile gratuitamente per i visitatori della mostra.

Il percorso espositivo si concluderà con alcune fotografie realizzate da Marco Zorzanello del Centro di Cultura Fotografica, che collegheranno il passato e il presente del Teatro Berga con uno sguardo contemporaneo reso possibile grazie alla collaborazione delle persone che oggi abitano i palazzi costruiti sui resti del Berga.

La mostra, a cura di Chiara Signorini ed Elena Cimenti, è stata realizzata in collaborazione con la Soprintendenza Archeologia del Veneto per quanto riguarda i risultati delle indagini degli ultimi decenni, il Museo Naturalistico Archeologico di Santa Corona di Vicenza e grazie al contributo degli sponsor tecnici Claudio Cervelli lighting design e Pomi digital line.

L’ingresso alla mostra “Miglioranza e il Teatro Berga. Disegni dall’800, immagini di oggi” è libero, con orario dalle 10 alle 18 dal 12 luglio al 6 settembre e dalle 9 alle 17 dall’8 al 27 settembre. Chiuso il lunedì.

Lascia un commento