Pio Albergo Trivulzio Milano, vendere il patrimonio e iniziare a parlare seriamente di fusione

“Riguardo alla situazione del Pio Albergo Trivulzio ritengo che la via da intraprendere al più presto non possa prescindere da tre punti: la vendita del patrimonio immobiliare non impiegato da attività socio sanitarie, l’avvio di un confronto serio sul tema della fusione con il Golgi Redaelli e la disponibilità nei confronti di Regione Lombardia ad affrontare il tema delle rette, con particolare attenzione alla rideterminazione della quota sanitaria”.

Così l’assessore alle Politiche sociali e Cultura della salute, Pierfrancesco Majorino a commento della relazione finale esposta, in Commissione consiliare a Palazzo Marino, dal Commissario straordinario (prossimo alla nomina di Direttore generale) del Pio Albergo Trivulzio, Claudio Sileo.

“Non ci sarà nessun aumento delle rette a carico dei solventi e sarà data grande centralità al comitato dei parenti sul modello di quanto previsto per le cinque Rsa di proprietà del Comune per cui è in corso un bando di assegnazione della gestione. Con il Trivulzio non ripartiamo da zero e auspico che il clima positivo riscontrato oggi con i cittadini possa portare a un concreto e rapido miglioramento delle cure e dei servizi forniti”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Pio Albergo Trivulzio Milano, vendere il patrimonio e iniziare a parlare seriamente di fusione Pio Albergo Trivulzio Milano, vendere il patrimonio e iniziare a parlare seriamente di fusione ultima modifica: 2015-07-09T00:59:33+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento