Milano laboratorio per difesa dei diritti delle persone GLBT sui luoghi di lavoro

“Fare di Milano il punto di riferimento per le buone pratiche che favoriscono il rispetto e la valorizzazione delle diversità negli ambienti di lavoro: questo l’impegno dell’Amministrazione che, con il suo sportello LGBT, è attiva nel promuove iniziative culturali e di sensibilizzazione volte al superamento delle discriminazioni basate sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere. Iniziative e azioni che, partendo da Milano, possono essere un esempio a livello nazionale”. Cosi l’assessore alle Politiche per il lavoro e Sviluppo economico Cristina Tajani, partecipando a Palazzo Marino all’evento “GLBT People at Work”, l’incontro tra aziende, professionisti e istituzioni  per confrontarsi sul tema del Diversity Management.

“Siamo orgogliosi di ospitare a Milano, per la prima volta, il Forum di Parks, l’associazione che si occupa della difesa dei diritti delle persone GLBT nei luoghi di lavoro – prosegue Cristina Tajani – scelta che premia l’impegno dell’Amministrazione su questi temi. Oggi sappiamo che le aziende che attuano corrette politiche di inclusione e valorizzazione dei talenti, contrastando le discriminazioni dovute all’orientamento sessuale dei propri dipendenti, sono anche quelle in grado di mostrare migliori performance economiche nei propri settori di riferimento. Vogliamo contribuire a diffondere una nuova cultura dell’inclusione e del rispetto, certi che il mondo del lavoro possa aiutare le persone GLBT a sviluppare il proprio potenziale di crescita essendo parte integrante del successo delle imprese per cui lavorano e parte integrante dell’avanzamento sociale, economico e culturale del Paese”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Milano laboratorio per difesa dei diritti delle persone GLBT sui luoghi di lavoro Milano laboratorio per difesa dei diritti delle persone GLBT sui luoghi di lavoro ultima modifica: 2015-06-27T01:03:43+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento