Turismo pisano volano per la ripresa

Anche a Pisa e provincia la crisi economica sembra aver superato la fase più critica. Alcuni timidi segnali di ripresa per quanto riguarda il saldo tra aperture e chiusure, arrivano dal settore del turismo dove troviamo un segno positivo rispetto al primo trimestre 2014; permangono invece difficoltà tra le imprese legate al mondo del commercio tradizionale.

Questi i risultati dell’Osservatorio di Confesercenti relativo a periodo gennaio-marzo 2015. Al 31 marzo sono 4.279 le imprese registrate alla Camera di Commercio nella provincia di Pisa, di cui 575 alimentari e 3.704 non alimentari. Nel primo trimestre 2015 le imprese iscritte sono state 43, di cui 11 alimentari e 32 non alimentari; a cessare invece 144, di cui 20 alimentari e 124 non alimentari. Il saldo negativo è di 101 unità.  In questo quadro, però, emergono le note positive che arrivano dai settori del turismo e della ristorazione. Anche se nel primo trimestre 2015 i saldi sono ancora negativi soprattutto per bar e ristoranti, il raffronto con l’anno scorso è decisamente positivo. A farla da padrona sono le strutture ricettive il cui bilancio è con il segno più sia nel trimestre che nel raffronto con il 2014. Da gennaio a marzo si ha un saldo tra aperture e chiusure di cinque unità (con 14 aperture e 9 chiusure); ma rispetto ad un anno fa la variazione positiva è del 10,57%, con una crescita di 39 strutture per un totale di 408 attività. Buone notizie anche da bar e ristoranti. I primi, pur in presenza di un saldo negativo di 9 attività nel primo trimestre, chiudono con un più 2,52% rispetto allo stesso periodo 2014: in provincia di Pisa ci sono 1.141 bar con una crescita di 28 unità. La ristorazione rispetto a marzo 2014 ha una variazione in positivo del 6,25%, pari ad un aumento di 88 unità per un totale di 1.495 attività. Tutto questo nonostante nel primo trimestre 2015 si registri un saldo tra aperture e chiusure pari -9 unità (con 20 aperture e 29 cessazioni).

«Siamo di fronte a timidi segnali di ripresa – spiega il direttore di Confesercenti Toscana Nord Marco Sbrana – ma soprattutto ad una inversione di tendenza di alcuni settori dopo tanti trimestri con il segno meno. Le chiusure, purtroppo, continuano senza sosta se si pensa che in Toscana nei primi tre mesi di quest’anno hanno chiuso circa 4 attività al giorno. Ma qualcosa sta cambiando se il saldo negativo regionale torna ad essere inferiore a quello nazionale (se si analizza i dati suddivisi per le varie provincie toscane si registra una flessione media dello 0,9%, a fronte di una flessione nazionale pari allo 1,1%)». Il turismo e le attività connesse possono però essere il volano della ripresa. Ancora il direttore di Confesercenti Toscana Nord: «Rispetto a marzo 2014 si registra un aumento delle imprese in tutti e tre i comparti di attività (strutture ricettive, ristoranti e bar). Numeri incoraggianti ma che non vogliono dire che il settore abbia agganciato totalmente la ripresa. Le difficoltà infatti rimangono tante perché rimanere sul mercato non è semplice per l’effetto di quasi un decennio di deregolamentazione, che ha aumentato il tasso di competitività ma ha anche aperto la porta ad un’imprenditoria improvvisata e poco professionale che ha considerato la ristorazione un ‘settore rifugio’. Da qui – conclude Sbrana – la necessita di incentivare l’offerta turistica e magari prevedere dal Comune forme di sostegno alle nuove attività».

9 su 10 da parte di 34 recensori Turismo pisano volano per la ripresa Turismo pisano volano per la ripresa ultima modifica: 2015-06-08T01:20:13+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento