La Milano del pianoforte diffuso conquista migliaia di cittadini e di visitatori

La musica diffusa, sulle note del pianoforte, ha invaso la città e conquistato migliaia di ascoltatori, con un folto pubblico di cittadini affezionati e di sorpresi visitatori. In occasione della quarta edizione di Piano city, Milano è stata trasformata in una grande sala concerto: musei, edifici storici e biblioteche, ma anche cortili, giardini privati, parchi e cascine hanno ospitato da venerdì a domenica decine di esibizioni dal vivo sullo strumento più amato del mondo.

Un regalo della città alla città che diventa anche stimolo di nuova creatività artistica: dopo Le piano africain di Ludovico Einaudi dell’edizione 2014, anche quest’anno è stata un’altra grande partitura originale ad aprire la manifestazione, il coinvolgente brano Music for seven key instruments and percussions di Hauschka, che venerdì ha inaugurato la rassegna nel cuore del Parco Sempione.

“Piano city è ormai diventato un appuntamento irrinunciabile per i cittadini milanesi, che hanno affollato sia i concerti nei luoghi simbolo della manifestazione, come la Galleria d’arte moderna, sia quelli ospitati in spazi da poco restituiti all’uso pubblico, dalla Darsena appena inaugurata alla Cascina Campazzo” dichiara l’assessore alla Cultura del Comune di Milano, Filippo Del Corno. “Ma questo modello innovativo di rassegna musicale si è dimostrato particolarmente attrattivo anche per i visitatori stranieri, che spesso si sono imbattuti nei concerti per caso, per esserne immediatamente conquistati”.

9 su 10 da parte di 34 recensori La Milano del pianoforte diffuso conquista migliaia di cittadini e di visitatori La Milano del pianoforte diffuso conquista migliaia di cittadini e di visitatori ultima modifica: 2015-05-26T00:54:48+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento