Roma, dal prossimo anno viaggi della memoria anche a Lampedusa

Dopo Auschwitz e le Foibe il prossimo anno anche Lampedusa diventerà meta dei viaggi della Memoria che vede protagonisti gli studenti dei licei della Capitale. Questo viaggio, che farà conoscere ai ragazzi romani uno dei luoghi più colpiti dalle tragedie del Mediterraneo, sarà interamente finanziato dal Presidente della Fondazione Roma Emmanuele Emanuele.

La nuova tappa è stato annunciata in occasione dell’incontro avvenuto tra il Sindaco di Roma Ignazio Marino, l’assessore alla scuola Paolo Masini, il Presidente Emmanuele Emanuele e gli studenti romani che hanno partecipato, a fine aprile, al recente viaggio del Ricordo nelle terre delle Foibe tra il Friuli e la Croazia.

“Sono molto felice che, oltre ad aver accettato di dare il supporto economico per alcuni dei nostri viaggi come quello delle Foibe, il professore Emmanuele Emanuele abbia accettato l’idea che gli abbiamo avanzato di finanziare un viaggio della memoria a Lampedusa. Le tragedie che abbiamo vissuto nel Novecento nel nostro continente, oggi le vediamo sulle nostre coste” ha sottolineato il sindaco di Roma.  “Mi farò carico integrale del viaggio – ha detto il presidente Emanuele, che già finanzia gli altri viaggi – vengo da quelle terre ed è quasi un obbligo per me”.

La data in cui si dovrebbe svolgere il primo viaggio nell’isola siciliana, che da anni è il porto d’approdo dei barconi di migranti in fuga dall’Africa e dal Medio Oriente, è ancora da stabilire, anche se per l’assessore Masini la scelta dovrebbe, simbolicamente, ricadere su un giorno davvero speciale “auspichiamo di poter avviare il progetto il prossimo 3 ottobre, giornata della Memoria delle vittime dell’immigrazione, per poi arrivare al primo viaggio in primavera. L’idea di portare gli studenti a Lampedusa l’abbiamo lanciata durante il viaggio alle Foibe. Vogliamo costruire gli anticorpi giusti e tradurre il rispetto della dignità umana a partire dai nostri ragazzi. Nel Mediterraneo si sta vivendo un dramma tremendo ed è giusto andare lì”.

Ad accogliere l’iniziativa romana con entusiasmo è stato anche il sindaco di Lampedusa Giusi Nicolini che ha risposto all’annuncio dichiarando: “l’idea di accogliere gli studenti romani per un percorso di approfondimento sul dramma dei migranti e dei problemi dei luoghi di confine è per noi una straordinaria opportunità di candidare le isole Pelagie come meta del turismo scolastico.Lampedusa è oggi al centro dell’Italia e dell’Europa, la consapevolezza e la presa di coscienza dell’importanza di questo luogo passa anche attraverso la formazione delle nuove generazioni”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Roma, dal prossimo anno viaggi della memoria anche a Lampedusa Roma, dal prossimo anno viaggi della memoria anche a Lampedusa ultima modifica: 2015-05-24T00:06:23+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento