Milano, un murales dell’artista cilena Pilar Dominguez dà nuova vita a una parete indistinta

Onde colorate a cingere fiori e definire visi femminili. Si chiama Parole leggere la nuova opera di arte pubblica della visionaria artista italo-cilena Pilar Dominguez, che dona nuova vita ad una parete di oltre 50 metri che fino a pochi giorni fa delimitava, grigia e senza identità, un lungo tratto di via San Mirocle a Rogoredo.

“Sostituiamo l’arte alle tag e al degrado. Tanti cittadini ci chiedevano di sistemare quel muro, triste e deteriorato, che oggi invece dona nuova luce al quartiere, grazie al percorso di cura del tessuto urbano avviato dall’amministrazione in collaborazione con le società partecipate e le zone” afferma il vicesindaco e assessore all’Urbanistica, Ada Lucia De Cesaris.

L’iniziativa è stata realizzata dal Comune di Milano con il sostegno di Metropolitana Milanese ed il patrocinio del Consiglio di Zona 4. Dopo via Lombroso, via Rogoredo, Ponte Lambro e via Morosini, un altro angolo di città cambia faccia, grazie alla collaborazione dei cittadini e il coinvolgimento di artisti di fama nazionale ed internazionale, le cui opere stanno pian piano trasformando il territorio. In questo caso il murales – che verrà inaugurato oggi, domenica 24 maggio, alle ore 18.30 – è stato progettato e dipinto da Pilar Dominguez e realizzato in collaborazione con gli street artist Ascanio, S. Rusmir, Lamu, Baos e Dany.

Il progetto nasce da Bella Milano e rientra nelle attività della rete rogoredese Verde Festival, associazione che riunisce molte realtà locali e che da alcuni anni lavora sul quartiere, creando occasioni culturali, artistiche e poetiche anche in luoghi insoliti e poco scontati.

9 su 10 da parte di 34 recensori Milano, un murales dell’artista cilena Pilar Dominguez dà nuova vita a una parete indistinta Milano, un murales dell’artista cilena Pilar Dominguez dà nuova vita a una parete indistinta ultima modifica: 2015-05-24T00:06:30+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento