A Venezia laboratorio per una cucina senza spreco

Città Solidale del Comune di Venezia, la Casa della Cultura Iraniana, in collaborazione con l’associazione Spazio Mestre Solidale, domani, venerdì 22 maggio, alle 17, nella sede dei Frati Cappuccini, in Via Andrea Costa 6 a Mestre, organizzano “Il Mondo in Cucina”, laboratorio di cucina sul tema dello spreco alimentare a partire dal carrello della spesa fino al frigorifero, dai fornelli al bidone della spazzatura, luogo deputato ad accogliere quello che abbiamo comprato ma non utilizzato. In Italia più di 8 miliardi di euro di cibo all’anno finiscono così nella spazzatura, un inaccettabile spreco, che si ripercuote negativamente sull’ambiente, sulla biodiversità, sul clima, sulle risorse idriche e sulle emissioni di CO2 a livello globale.

Queste le tematiche che saranno affrontate in un clima di condivisione e convivialità,  degustando insieme piatti genuini, offrendo la testimonianza diretta di chi ha prodotto le materie prime e di chi le ha trasformate, cucinandole, e di come il cibo può essere piacevole e saporito senza intaccare la sostenibilità e l’equilibrio ambientale.

Nel laboratorio due generazioni si affiancheranno; la prima proporrà piatti attingendo alla memoria di una cucina in cui la coscienza della filiera alimentare e il principio del non spreco era uno scontato stile di vita (la cucina dei nonni, narrazione); la seconda propone piatti creativi, ma sempre compatibili con il tema conduttore (la cucina e la cucina di tutti, rispettare ambiente e biodiversità)

Chi desidera condividere e degustare le ricette che verranno presentate può prenotarsi alla Casa del Volontariato, Via Brenta Vecchia, 41 30174 Mestre, telefono 041 2381614  e-mail: sms.mestre@alice.it, quota di partecipazione € 10.

9 su 10 da parte di 34 recensori A Venezia laboratorio per una cucina senza spreco A Venezia laboratorio per una cucina senza spreco ultima modifica: 2015-05-21T00:12:12+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento