Firenze, ex ristorante Le Rampe di viale Poggi pubblicato il bando per la riqualificazione

Nuova vita all’ex ristorante Le Rampe di viale Poggi, in prossimità delle antiche mura cittadine che da piazzale Michelangelo scendono verso l’Arno. E’ on line sulla rete civica del Comune l’avviso pubblico per la concessione di valorizzazione. Il fabbricato dovrà essere recuperato nei limiti dell’edificio attualmente esistente e ristrutturato all’interno in modo da consentire lo svolgimento dell’attività di ristoro prevista dal bando. Non sarà possibile realizzare alcuna nuova costruzione, mentre all’esterno sarà possibile posizionare solo ombrelloni e tavolini, complementari allo svolgimento dell’attività. La concessione avrà la durata di 15 anni. Il canone annuale è di 37.800 euro, pari a 3.150 euro mensili. La proposta dovrà essere presentata entro il 16 giugno 2015. Il concessionario dovrà completare le opere di demolizione entro un anno dalla firma della concessione e prima di iniziare i lavori di restauro. Gli altri interventi dovranno essere conclusi entro tre anni.
L’assessore all’Urbanistica e Patrimonio ha spiegato che si tratta di un bando per la valorizzazione di un luogo fondamentale in una parte della città su cui l’Amministrazione da tempo ha investito in progettualità. La struttura, infatti, si trova nel punto di confluenza del verde di viale Michelangelo, del Giardino dell’Iris e del Giardino delle Rose, una passeggiata storica che come stabilisce il piano strutturale deve essere recuperata. L’assessore ha poi spiegato che sarà aperto anche un accesso secondario al Giardino dell’Iris attraverso un vecchio passaggio lungo le mura storiche accanto all’edificio.
L’immobile è composto da un fabbricato con caratteristiche di chalet, a due piani fuori terra, e da spazi esterni circostanti. Il complesso fa parte di un’area più ampia, la “Passeggiata del viale dei Colli” (sottoposta a tutela dal 1920) ed è stato oggetto di numerosi interventi edilizi.

Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento