Roma, decennale Casa del Jazz, due giorni tra musica e impegno civile

La Casa del Jazz compie dieci anni, e per festeggiare il decennale, presenta sabato 18 e domenica 19 aprile un ricco programma di eventi: cultura e impegno civile, musica, educazione, intrattenimento per sottolineare alcuni degli aspetti che rendono questa istituzione unica al mondo.

Sabato 18 si inizia con la visita guidata della struttura a cura di “Libera”,dedicata agli studenti per far loro comprendere il significato dell’attività della confisca dei beni alla mafia. A seguire un reading musicale su mafia e criminalità e un concerto di musiche dal mondo.

Domenica 19 protagoniste tutto il giorno dieci tra le più importanti realtà della didattica jazz della Capitale. In serata, “Munnizza-Memorie, suoni e visioni su e di Peppino Impastato”.

Il programma in dettaglio

sabato 18 aprile
ore 11 Visita degli studenti al bene confiscato a cura dell’Associazione Libera
ore 18 (sala concerti) “Mafia e Criminalità: dal racconto alla realtà” con Giancarlo De Cataldo e Andrea Sartoretti accompagnati da Danilo Rea al pianoforte, letture di Fabrizio Catalano Sciascia
ore 21 (sala concerti) “Traindeville – Viaggio nelle Musiche del Mondo” con Paolo Camerini contrabbasso, Ludovica Valori fisarmonica

domenica 19 aprile dalle ore 12 alle 19 (parco)
Esibizioni degli allievi di Scuola Popolare di Musica di Testaccio, Percentomusica, Scuola Popolare di Musica di Villa Gordiani, Fonderia delle Arti, Scuola Popolare di Musica Donna Olimpia, iMusic School, Centro Ottava, Conservatorio “Santa Cecilia” di Roma, Saint Louis Music School, RusticaXBand, Controchiave;
ore 19 (sala concerti) “Munnizza-Memorie, suoni e visioni su e di Peppino Impastato” con Andrea Satta e la Compagnia “SiamoQuasiUnaCosaSeria”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Roma, decennale Casa del Jazz, due giorni tra musica e impegno civile Roma, decennale Casa del Jazz, due giorni tra musica e impegno civile ultima modifica: 2015-04-18T01:20:30+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento