Potenza, Le Ali di Frida promuovono la mostra sulle corazze dell’anima

Le corazze dell’anima di Giustina Piglia, è il titolo della mostra che sarà inaugurata martedì 14 aprile alle 18,00 nella Biblioteca Nazionale, in via del Gallitello a Potenza.

L’esposizione è stata promossa dall’associazione di promozione sociale, Le Ali di Frida, costituitasi recentemente a Potenza con l’obiettivo di promuovere, sostenere e valorizzare il patrimonio di risorse umane artistiche ambientali e culturali presenti sul territorio e, in particolar modo, quelle risorse che hanno scarsa visibilità, possibilità di manifestarsi o opportunità di essere apprezzate.

Da una parte, quindi, interesse e sensibilità nei confronti di talenti spesso nascosti o sconosciuti al grande pubblico ed azioni finalizzate a valorizzarli e promuoverli; dall’altra, attenzione e cura della bellezza che ci circonda ma che spesso non si è in grado di riconoscere perché degradata, celata, banalizzata o semplicemente ignorata.

L’associazione che inizia la propria attività sul territorio con l’organizzazione di questa interessante ed originale mostra delle foto e delle opere in argilla dell’artista di Melfi, offrirà, attraverso l’esposizione delle corazze, un percorso molto interessante e stimolante di riflessione sul rapporto col proprio corpo, sulle emozioni, sulle ferite fisiche e su quelle dell’anima.

L’artista Giustina Piglia, al termine della manifestazione, donerà una propria opera, dal titolo Prevenzione, al reparto di Chirurgia Senologica dell’Ospedale San Carlo di Potenza per sensibilizzare le donne sul tema della prevenzione dei tumori al seno.

L’attrice Isabella Urbano nel corso della serata reciterà alcune liriche.

La mostra sarà aperta dal 14 aprile al 2 maggio

9 su 10 da parte di 34 recensori Potenza, Le Ali di Frida promuovono la mostra sulle corazze dell’anima Potenza, Le Ali di Frida promuovono la mostra sulle corazze dell’anima ultima modifica: 2015-04-13T00:07:48+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento