Vicenza, Basilica palladiana pubblicato il bando per la gestione del bar in terrazza

È stato pubblicato il bando per la gestione del bar nella terrazza della Basilica palladiana, servizio già sperimentato con successo negli ultimi due anni.

“L’interesse e lo stupore che ha colto i vicentini e i turisti che in questi anni hanno visitato, numerosi, la terrazza-belvedere più suggestiva di Vicenza, e il successo registrato dal bar in ormai due stagioni di apertura, ci ha convinti a riproporre l’iniziativa del bar sulla sommità del monumento – ha dichiarato il vicesindaco e assessore alla crescita Jacopo Bulgarini d’Elci -. A tutela del delicato contesto palladiano e in nome della sostenibilità finanziaria, per il nuovo servizio abbiamo studiato uno specifico bando, con modalità simili a quelle già sperimentate, ma con una concessione di durata biennale che dovrebbe stimolare una maggior partecipazione. Contiamo inoltre di poter riproporre la collaborazione con Caritas per l’attivazione di progetti sociali riguardanti il personale a nostro carico ”.

La concessione avrà durata biennale: per l’anno 2015 l’apertura al pubblico dovrà essere garantita dall’1 luglio all’1 novembre 2015, mentre per il 2016 si estenderà dall’1 maggio all’1 novembre.

Il bando prevede un canone mensile pari a 4500 euro a base d’asta: l’offerta economica costituirà uno dei criteri di valutazione previsti, così esperienze nella gestione di servizi di bar, caffetteria o ristorazione in contesti di interesse storico o artistico sottoposti a vincolo monumentale.

Al di fuori dei mesi di apertura del monumento, e in caso di pioggia, il servizio bar potrà essere effettuato all’interno della “Sala Domus Comestabilis”.

Le domande, complete della documentazione richiesta, dovranno essere consegnate entro le ore 12 del 28 aprile 2015, all’ufficio protocollo del Comune di Vicenza in corso Palladio 98.

La concessione avrà inizio formalmente il 22 giugno per concludersi il 14 novembre 2016.

Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento