Venezia, Zappalorto approva il regolamento per la concessione di patrocini, sovvenzioni e contributi

Il commissario straordinario del Comune di Venezia, Vittorio Zappalorto, ha approvato, con i poteri del Consiglio, il regolamento per la concessione di patrocini, sovvenzioni, contributi e altri vantaggi economici, e dell’albo delle associazioni.

Il documento risponde all’esigenza di approvare una nuova disciplina regolamentare concernente l’erogazione di sovvenzioni, contributi, sussidi, ausili finanziari e l’attribuzione di vantaggi economici che superi i testi oggi in vigore, risalenti al 1991 e al 1997; inoltre il regolamento disciplina per la prima volta l’Albo comunale della associazioni, così come previsto dallo statuto del Comune di Venezia.

Le forme di sostegno saranno concesse ad attività culturali, didattico-educative, istituzionali, sportivo-motorie, socio-assistenziali, di tutela dell’ambiente, delle specie animali del territorio e dei beni comuni, nonché di Protezione civile. Varie le tipologie di sostegno: si va dalla concessione del patrocinio, alla concessione del patrocinio con contributo finanziario; dal solo contributo finanziario alla compartecipazione rispetto ad un evento.

Per quanto riguarda i cosiddetti contributi, il regolamento fissa con precisione i termini: dopo la definizione delle risorse finanziarie da destinare alle varie direzioni, sarà emanato un bando / avviso pubblico semestrale per l’ottenimento dei contributi o di altri vantaggi, con criteri precisi per attribuire il punteggio di assegnazione, in relazione all’attività dell’associazione o al singolo progetto. Tutti gli atti relativi all’erogazione di contributi che superino i mille euro saranno pubblicati sul sito del Comune di Venezia nella sezione “Amministrazione trasparente”.

Viene prevista eccezionalmente la possibilità per la Giunta di procedere all’attribuzione di sovvenzioni, contributi, sussidi, ausili finanziari e l’attribuzione di vantaggi economici di qualunque genere con apposita deliberazione. In questo caso l’eccezionalità viene riconosciuta per iniziative che, per la loro natura, non siano preventivabili secondo la tempistica ordinaria e che abbiano il carattere di novità e straordinarietà rispetto alla regolare programmazione. Per la sola concessione di patrocinio, invece, questo potrà essere accordato dalla Giunta su iniziativa del sindaco, del presidente del Consiglio, dell’assessore competente per materia o del presidente di Municipalità senza vincoli procedimentali particolari.

Lascia un commento