Appalti Grandi opere, arrestati Ercole Incalza, Stefano Perotti, Francesco Cavallo e Sandro Pacella

IncalzaMaxi operazione dei carabinieri del Ros, coordinata dalla procura di Firenze. Nel mirino la gestione illecita degli appalti delle “Grandi opere”.

Tra gli arrestati il super-dirigente del Ministero dei Lavori Pubblici, ora consulente esterno, Ercole Incalza, gli altri sono gli imprenditori Stefano Perotti e Francesco Cavallo, e Sandro Pacella, collaboratore di Incalza.

Anche dei politici figurano tra gli indagati ma da fonti vicine alle indagini non si tratterebbe tuttavia di politici “di primissimo piano”.

Agli indagati vengono contestati i reati di corruzione induzione indebita, turbata libertà degli incanti ed altri delitti contro la Pubblica amministrazione.

Le ordinanze di custodia cautelare sono state eseguite a Roma e a Milano da parte del Ros, che contestualmente ha effettuato in diverse regioni perquisizioni di uffici pubblici e sedi societarie riconducibili agli indagati.

Secondo l’inchiesta le indagini hanno fatto luce su un “articolato sistema corruttivo che coinvolgeva dirigenti pubblici, società aggiudicatarie degli appalti ed imprese esecutrici dei lavori”. Oggetto del sistema tutte le principali Grandi opere, in particolare gli appalti relativi alla Tav ed anche alcuni riguardanti l’Expo.

9 su 10 da parte di 34 recensori Appalti Grandi opere, arrestati Ercole Incalza, Stefano Perotti, Francesco Cavallo e Sandro Pacella Appalti Grandi opere, arrestati Ercole Incalza, Stefano Perotti, Francesco Cavallo e Sandro Pacella ultima modifica: 2015-03-16T09:19:54+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento