Angeli del Riciclo 2.0. Nuovo progetto Amiu nel ponente genovese

Ventiquattro studenti universitari e otto volontari dell’Istituto ligure per il consumo (associazione di otto associazioni consumatori genovesi), per due mesi incontreranno i cittadini, lungo un centinaio di strade, a Pegli, Sestri e Voltri, per sottoporre loro un semplice questionario  – e anche per fornire informazioni – sulla corretta raccolta differenziata.

angeli riciclo pegli

I nuovi Angeli 2.0 non useranno carta e penna per le interviste, ma uno smart phone con un’applicazione che consentirà l’aggiornamento dei risultati in tempo reale.

Al questionario è possibile rispondere anche su consumatoriliguria.it: le risposte dei cittadini a undici semplici domande aiuteranno a creare un data-base ‘locale’, raccogliendo anche i suggerimenti dei genovesi su un tema, come quello dei rifiuti, così importante sia per l’impatto ambientale sia per la vita dei quotidiana dei cittadini.

“Crediamo che il coinvolgimento dei cittadini – soprattutto giovani – sia fondamentale per promuovere sempre di più la raccolta differenziata – afferma Marco Castagna, Presidente Amiu  – e questo è il motivo per cui abbiamo dato nuova energia al progetto degli “Angeli”; in un futuro molto vicino, inoltre, coinvolgeremo direttamente nella promozione della raccolta differenziata anche le associazioni presenti sul territorio, con il supporto dei Municipi”.

Scopo dell’iniziativa che parte da Pegli (come già avvenuto negli anni passati e in altri quartieri come Sampierdarena e Sestri Ponente) è quello di promuovere la raccolta differenziata, con particolare riferimento alla raccolta dell’umido, il riciclo dei diversi materiali, l’educazione ambientale per mantenere la qualità del territorio cittadino, attraverso una capillare informazione rivolta ai cittadini ed alle famiglie.

Aggiunge Mauro Avvenente, Presidente Municipio Ponente. “La raccolta differenziata è diventata, ormai da tempo, una scelta obbligata e imprescindibile che non consente più a nessuno di mostrare disinteresse verso questa pratica virtuosa. Grazie a Amiu, alle associazioni dei consumatori e ai giovani volontari presenti sulle strade del nostro territorio, si auspica che la gente si dimostri disponibile al dialogo nell’intento di collaborare per l’interesse comune”.

I dati finali del questionario saranno presentati ai primi di aprile ed è stato creato anche un indirizzo di posta elettronica con la quale si possono chiedere consigli o dare suggerimenti a angelidelriciclo@gmail.com.

“Unire in un progetto educativo la passione del volontariato, l’entusiasmo dei giovani e le nuove tecnologie ci pare il modo più concreto – dichiarano i responsabili dell’Istituto ligure per il consumo, Alberto Martorelli, Furio Truzzi e Stefano Salvetti – per avvicinare Genova agli obiettivi ambientali nazionali e europei nel settore dello smaltimento dei rifiuti”.

Lascia un commento