Ugl su gara distretto G schema Basento-Bradano

Completamento dello schema Basento – Bradano Distretto G. Le operazioni di gara e i lavori in via provvisoria sono stati aggiudicati entro il tempo utile fissato dal Cipe al 31.12.2014. A tutt’oggi, però, non abbiamo registrato nessun movimento: che è successo alla gara relativa per quei lavori per l’importo di oltre €.58.868.000,00?”

E’ quanto chiedono i segretari regionali dell’Ugl Basilicata Giovanni Tancredi e Pino Giordano rivolgendosi al governatore della Regione Basilicata, Marcello Pittella, che “si è speso tanto e bene perché il finanziamento di oltre 85 milioni di euro non fosse sottratto alla Basilicata, ben consapevole dell’enormità dell’importanza dello stesso in termini di irrigazione per migliaia di ettari, benefici altamente positivi per le aziende ed i lavoratori del comparto agricolo e del settore edile”. Perciò “l’Ugl chiede – concludono i segretari Giordano e Tancredi – faccia in modo che, a distanza di oltre quindici anni, non si perda inutilmente nemmeno un giorno nell’espletamento dell’iter conclusivo dell’affidamento reale dei lavori, con il rischio malefico che si vada oltre i termini e si riperda il finanziamento per i previsti lavori appaltati dal Consorzio Unico di Bonifica che consentirebbero di irrigare circa 7.000 ettari netti di terreni agricoli compresi nei comuni di Genzano, Oppido, Banzi, e Irsina e di realizzare un adduttore dalla diga di Genzano alla diga del Basentello su cui potrebbero innestarsi le reti irrigue, che avranno uno sviluppo totale di oltre 500 km. Ci rivolgiamo a Pittella scongiurando che ciò accada, sarebbe ora un vero peccato perdere questa occasione, con la perdita totale dei finanziamenti a danno degli agricoltori, delle famiglie e di centinaia di posti di lavoro”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Ugl su gara distretto G schema Basento-Bradano Ugl su gara distretto G schema Basento-Bradano ultima modifica: 2015-02-15T00:09:05+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento