Immigrazione e agricoltura, selezionato progetto Itas Matera

“Ti racconto di Manuel…”, progetto scolastico realizzato dalla classe II A dell’Istituto tecnico agrario statale (Itas) “G. Briganti” di Matera, selezionato a livello nazionale dal Ministero della Pubblica istruzione, sarà illustrato domani alle ore 9.30 nella sede dell’Itas (Ctr. Rondinelle) in un incontro con il dirigente generale del Dipartimento regionale alle Politiche Agricole, Giovanni Oliva.

L’appuntamento, cui interverranno studenti, docenti e personale dell’Istituto, è finalizzato a far interagire le Istituzioni con il mondo della scuola. Oliva risponderà alle domande degli studenti sui temi della promozione nel panorama internazionale dei prodotti agricoli lucani, della presenza della nostra regione all’evento Milano Expo 2015, delle politiche occupazionali in ambito agricolo anche a tutela di cittadini extra-comunitari presenti sul nostro territorio.

“Ti racconto di Manuel…”, che affronta il tema degli extracomunitari in ambito agricolo, rientra nel progetto nazionale “Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione” nato dalla collaborazione tra Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della ricerca, Senato della Repubblica e Camera dei Deputati.

Il lavoro è stato valutato positivamente da un comitato composto da parlamentari e rappresentanti del Ministero dell’Istruzione e parteciperà alla Cerimonia conclusiva che si terrà entro la fine dell’anno scolastico al Senato della Repubblica.

Alla giornata di premiazione parteciperanno sessanta scuole italiane. Gli elaborati vincitori saranno selezionati sulla base dei seguenti criteri: conoscenza e valorizzazione della Costituzione, ricerca e rielaborazione culturale, originalità, efficacia didattica e comunicativa e coinvolgimento e ricaduta sul territorio.

9 su 10 da parte di 34 recensori Immigrazione e agricoltura, selezionato progetto Itas Matera Immigrazione e agricoltura, selezionato progetto Itas Matera ultima modifica: 2015-02-12T00:45:53+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento