Vent’anni di Piaggeliadi, il 4 aprile via all’edizione 2015

Un progetto coraggioso che va avanti da vent’anni. Con la cerimonia inaugurale in programma il 4 aprile al Mandela Forum prenderà il via la ventesima edizione delle Piaggeliadi, manifestazione di promozione alla pratica sportiva organizzata dalla Polisportiva Firenze Ovest e dal Comune di Firenze. Nata 1995 con l’obiettivo di combattere il degrado giovanile nel Quartiere 5 la manifestazione è diventata l’appuntamento più partecipato di avviamento allo sport della regione.
“Le Piaggeliadi sono una delle manifestazioni sportive più autentiche della nostra città – ha detto Vannucci – in grado di rispecchiare davvero i valori dello sport, dalla salute, all’educazione, allo stare insieme divertendosi. Un’occasione per migliaia di bambini, che in questi anni hanno potuto avvicinarsi allo sport nel modo più vero e diretto; un’opportunità per giocare e crescere, ma anche per competere sfidandosi in vere e proprie Olimpiadi con numeri da record. Passare dai 396 iscritti della prima edizione ai 14mila di quella dello scorso anno – ha proseguito Vannucci – è la conferma più bella di un successo, non solo per gli organizzatori ma per tutta la città. Con molto orgoglio vivo la mia prima edizione di questa manifestazione da assessore allo Sport nell’anno del ventennale. Ringrazio la Polisportiva Firenze Ovest e gli sponsor per il loro fondamentale contributo. Uno sforzo organizzativo enorme, con un impegno non solo sportivo ma anche culturale. Buone Piaggeliadi a tutti”.
I partecipanti si cimenteranno in gare e tornei di pallavolo, minitennis, calcetto, scherma, tiro al bersaglio, atletica leggera, tiro al bersaglio, nuoto, rugby, basket e – novità di quest’anno – il gioco dei samurai. Per informazioni www.piaggeliadi.it

9 su 10 da parte di 34 recensori Vent’anni di Piaggeliadi, il 4 aprile via all’edizione 2015 Vent’anni di Piaggeliadi, il 4 aprile via all’edizione 2015 ultima modifica: 2015-01-31T00:04:16+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento