Alsia, serve programmazione seria e responsabile

Il segretario della Cisl Fp di Basilicata, Pino Bollettino considera “paradossale e inaccettabile la situazione venutasi a creare all’Alsia. La politica infatti, con le sue lungaggini e inefficienze continua a giocare con il destino dei lavoratori”.

“Stipendi non pagati, prospettive future inesistenti, ecco cosa quotidianamente – sostiene Bollettino – i lavoratori loro malgrado subiscono. Il perseverare della fase di commissariamento da quasi un decennio, rappresenta la testimonianza lampante di come i problemi restano irrisolti, per cattiva volontà, per mancanza di lungimiranza, per non avere in prospettiva alcuna idea di una programmazione seria e responsabile. Drammatica poi, la situazione dei precari, dimenticati, abbandonati al loro destino, senza la pur minima dignità che è dovuta e deve essere garantita ad ogni lavoratore.

Occorre – continua il rappresentante sindacale – uscire da questo pantano istituzionale, dando in tempi brevi le dovute garanzie ai tanti lavoratori, spaesati e sconcertati da tanto disinteresse.

E allora? la Regione ha il dovere morale e giuridico di garantire in tempi brevi non solo gli stipendi, ma uno scenario di riforma organizzativa propedeutico ad un futuro migliore e sicuro per tutte le maestranze lavorative.

In caso contrario, qualora il desolante scenario odierno non dovesse mutare, l’opposizione della Cisl Fp di Basilicata sarà dura, dimostrandosi propensa ad utilizzare ogni strumento di lotta a sua disposizione”.

Lascia un commento