Roma, il giovane Werther di Willy Decker al Teatro Costanzi

costanziLa Stagione del Teatro Costanzi riparte nel 2015 con la prima del Werther di Jules Massenet. Sul podio dell’Orchestra dell’Opera di Roma il Maestro Jesús López-Cobos. La regia è firmata da Willy Decker.

Per il famoso dramma lirico, in quattro atti, tratto dal romanzo di Goethe I dolori del giovane Werther, il regista Willy Decker ha concepito la messa in scena come una combinazione tra Goethe e Massenet: la sostanza è goethiana, ma la prospettiva, è ottocentesca.

Decker ha voluto immaginare Massenet mentre osserva o contempla il Settecento di Goethe. Il regista crea sul palcoscenico un’unica scena che racchiude l’anima imprigionata di Charlotte. Dal suo piccolo mondo, intimo e borghese, solo lei riesce ad aprire uno squarcio sul cuore tormentato di Werther, puro e selvaggio.

Nel cast artisti di fama internazionale: nel ruolo dello schivo e sognatore Werther il tenore Francesco Meli, in quello della sua amata Charlotte, il mezzosoprano Veronica Simeoni. In scena anche Ekaterina Sadovnikova (Sophie), Jean-Luc Ballestra (Albert), Marc Barrard (Le Bailli), Pietro Picone (Schmidt) e Alessandro Spina (Johann).

Lo spettacolo vede la partecipazione del Coro di Voci Bianche del Teatro dell’Opera di Roma diretto dal Maestro José Maria Sciutto.
L’allestimento, dell’Oper Frankfurt (Städtische Bühnen Frankfurt am Main GmbH), ha scene e costumi di Wolfgang Gussmann. Creato per la Nederlandse Opera di Amsterdam nel 1996 questo fortunato Werther ha girato l’Europa e approda finalmente al Teatro capitolino.

Dopo la prima di domenica 18 gennaio (ore 20) repliche mercoledì 21 (ore 20), venerdì 23 (ore 20), domenica 25 (ore 16.30), martedì 27 (ore 20), giovedì 29 (ore 18).

9 su 10 da parte di 34 recensori Roma, il giovane Werther di Willy Decker al Teatro Costanzi Roma, il giovane Werther di Willy Decker al Teatro Costanzi ultima modifica: 2015-01-27T08:57:09+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento