Pisa, domenica di corse a San Rossore si parte con il premio Dordone

Domenica 18 gennaio, alle 13.55, tornano le corse a San Rossore. Il premio intitolato a Ines e Sebastiano Botanelli, un handicap sui 2.000 metri, vede come atteso protagonista Retour de Chat, buon secondo al rientro sulla pista. Capocaccia è regolare ma poco incisivo e comunque da non trascurare mentre Perfect Partner sembra avere il peso giusto per tornare al successo. Punta di Diamante ha corso bene mentre il lanciato Glasser è reduce da due vittorie che sconta con peso impegnativo.

Terzo appuntamento con la San Rossore Women Cup, corsa riservata alle Amazzoni e alle Fantine. Il premio Annalisa Magonzi, handicap sui 1.500 metri, vede al via 10 cavalli. Eldrado di Breme e Evelyn Poehl sono i favoriti della corsa. Carols Blizzard e Sara Penazzi hanno conquistato due posto d’onore consecutivi e puntano al successo mentre Good for All e Anna Lupinacci potrebbero essere il binomio terzo incomodo.

Il premio Newton è l’handicap che chiude il pomeriggio sulla distanza dei 1.500 metri. Mi Sueno sulle ali della forma sale di categoria ma non è da escludere un suo inserimento. Bel Fio, Wire e Such a Fool sono le possibili alternative. I partenti del 18 gennaio

Inoltre: Turf & Style (le persone più eleganti presenti all’ippodromo saranno invitate per un brindisi), al negozio dell’ippodromo la t-shirt “Keep Calm and Ippodromo San Rossore” per i bambini. Per il pubblico riunione conviviale dell’Associazione Nazionale Alpini.
Per i piccoli animazione a Ippolandia con giochi e colore per il Carnevale, per tutti Dietro le quinte e Dentro la scommessa per vedere i protagonisti delle corse da vicino (e con l’acquisto di un biglietto intero, sconto di 1 Euro su una giocata al totalizzatore).

9 su 10 da parte di 34 recensori Pisa, domenica di corse a San Rossore si parte con il premio Dordone Pisa, domenica di corse a San Rossore si parte con il premio Dordone ultima modifica: 2015-01-17T00:35:41+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento