Firenze, artisti di strada prorogati i bandi per l’assegnazione delle postazioni

È stata prorogata al 6 febbraio la scadenza dei bandi per l’assegnazione delle postazioni degli artisti di strada. Ventinove postazioni di street art da assegnare attraverso quattro bandi pubblici, disponibili on line sul sito del Comune di Firenze. È il pacchetto che darà attuazione alle nuove norme per gli artisti di strada varate a marzo scorso dal Consiglio comunale, che aveva dato il via libera alla rotazione delle postazioni, puntando su definizione dei requisiti e qualità delle attività. Oltre alle postazioni in centro storico, per la prima volta l’arte di strada si allarga ai quartieri con nuove collocazioni in piazza delle Cure e piazza Bartali a Gavinana.
Tre le tipologie di postazioni previste: la prima riguarda le attività cosiddette a ‘libero esercizio’, quindi con possibilità di musica amplificata, la seconda è riservata alle attività senza amplificazione (musica, mimo, madonnari, statue umane), mentre l’ultima è destinata alle attività espressive (pittori, scultori, fotografi). Le concessioni avranno una durata massima di due anni e le postazioni non attribuite con scadenza biennale saranno assegnate in modo temporaneo. Gli artisti storici potranno rimanere nel posto d’elezione al massimo tre giorni a settimana, un turno nel weekend compreso. In caso di più richieste sulla stessa postazione sarà data priorità all’artista più giovane di età. Per i madonnari la rotazione sarà di due giorni. L’assegnazione avverrà con bandi pubblici distinti per “attività ordinaria” e per “giovani esercenti mestieri artistici di strada” a carattere biennale o temporaneo. Le domande possono essere presentate a partire da oggi 24 dicembre 2014 e fino al 23 gennaio 2015.

9 su 10 da parte di 34 recensori Firenze, artisti di strada prorogati i bandi per l’assegnazione delle postazioni Firenze, artisti di strada prorogati i bandi per l’assegnazione delle postazioni ultima modifica: 2015-01-17T00:35:14+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento