Basilicata in bianco e nero nel calendario di Cerverizzo

Un calendario 2015 in bianco e nero propone immagini inedite della Basilicata. Lo ha creato un giovane di Potenza, Bruno Cerverizzo, 26 anni, studi allo Ied (Istituto europeo di design) a Roma, e tanta passione. Con la sua macchina fotografica, costruita con le sue mani proprio per questo particolare progetto, ha cercato gli scorci che gli sembravano più originali nei vari angoli del territorio regionale.

Il suo calendario 2015 della Basilicata ha voluto intitolarlo “Terra di storia e natura”. E si propone, com’è nell’intento di Bruno Cerverizzo, di realizzare quella che è la magia della fotografia: la possibilità di fermare un momento della vita, un istante che hai vissuto e che non potrà mai più tornare. E poi, inevitabilmente, regalare un’emozione. Perchè si possa graffiare l’anima la fotografia deve saper essere sempre qualcosa di diverso, unico e irripetibile. Uno sguardo rinnovato sul mondo.

Con questo convincimento Bruno Cerverizzo ha proposto, in bianco e nero, la sequenza dei mesi del 2015, assimilati a un’immagine simbolo scelta dall’autore. Ne è venuto fuori un lavoro assai suggestivo. Con scorci di terra e campagna (gennaio), carnevale coi campanacci (febbraio), ruderi in un paesaggio campestre (marzo), distese fiorite (aprile), processione di San Gerardo a Potenza (maggio), ruderi negli scavi archeologici di Vaglio (giugno), rocce di Castelmezzano (luglio), Tavole Palatine a Metaponto (agosto), lido di Metaponto con capannone dismesso (settembre), vallata del Basento vista dalle alture di Vaglio (ottobre), strada per Avigliano avvolta dalla nebbia (novembre), luci natalizie con albero in piazza Mario Pagano a Potenza. Un’immagine del tempo che è sguardo creativo e atto d’amore ai luoghi e ai simboli della Basilicata.

9 su 10 da parte di 34 recensori Basilicata in bianco e nero nel calendario di Cerverizzo Basilicata in bianco e nero nel calendario di Cerverizzo ultima modifica: 2015-01-08T00:02:59+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento