Parma, il prefetto Giuseppe Forlani ha incontrato il sindaco

Giuseppe Forlani, casertano di origine, con alle spalle una carriera vissuta in buona parte a Torino, e ora proveniente da La Spezia, dove ricopriva lo stesso incarico dal 2009, sua ultima destinazione, è entrato in piena operatività come prefetto di Parma.

Il suo primo atto è stato l’incontro con il sindaco in Municipio, dove si è intrattenuto a lungo a colloquio con Federico Pizzarotti, dopo la firma con dedica sul libo degli ospiti.

Forlani in Comune

Diversi gli argomenti dell’incontro, tutto dedicato a temi istituzionali, che si è svolto alla presenza del vicesindaco Nicoletta Paci e del capo di gabinetto della Prefettura Luigi Swich: si è parlato di emergenze sul territorio e accoglienza dei rifugiati, dell’alluvione che ha colpito Parma e della preoccupazione per gli sfratti e l’emergenza casa, dell’insicurezza percepita dai cittadini e delle strategie che si possono adottare per porvi rimedio.

Tra l’altro il prefetto Forlani si è sempre occupato di questi temi, fin da quando, ancora studente, operava nel volontariato di protezione civile, materia sulla quale ha poi ottenuti importanti riconoscimenti sul campo nell’ambito della sua attività istituzionale.

Inoltre, quando è stato nominato prefetto,nel 2007, ha assunto l’incarico di Direttore Centrale dei Servizi Civili per l’Immigrazione e l’Asilo nell’ambito del Dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione del Ministero dell’Interno.

A conclusione dell’incontro sindaco e prefetto si sono salutati con una cordiale stretta di mano e un arrivederci per la cerimonia di Sant’Ilario, certi che la collaborazione fra le due istituzioni continuerà con la stessa intensità nell’interesse dei cittadini di Parma.

9 su 10 da parte di 34 recensori Parma, il prefetto Giuseppe Forlani ha incontrato il sindaco Parma, il prefetto Giuseppe Forlani ha incontrato il sindaco ultima modifica: 2015-01-07T00:02:21+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento