Disservizi ferrovie, presto nuovo incontro con gestori prima del rinnovo del contratto

“Nonostante i nostri sforzi ed i riconoscimenti che arrivano alla Toscana per l’impegno a migliorare il servizio, proseguono i disagi su tante linee ferroviarie, anche in questi giorni festivi. A questo punto, a fronte di un aumento del disagio e una scarsa regolarità, ci chiediamo se abbia ancora senso continuare a pagare regolarmente un servizio che continua ad avere carenze evidenti”. L’assessore ad infrastrutture e trasporti rincara la dose dopo le lettere inviate a fine anno alle direzioni di Rfi e Trenitalia per chiedere un contenimento di disagi e disservizi del servizio di trasporto ferroviario.

“Arrivati a questo punto – si chiede Ceccarelli – dobbiamo chiederci se sia ragionevole continuare a confrontarci con i gestori per il rinnovo dei contratti, per concedere condizioni migliori e fare nuovi investimenti, senza prima affrontare queste problematiche. Il servizio, da novembre in poi, è decisamente peggiorato e non solo sulle linee diesel ma un po’ ovunque, l’ultimo bonus pagato ai pendolari ha riguardato sei linee. E in questi giorni di festa abbiamo assistito a grosse criticità su linee chiave come la Firenze-Siena, la Lucca-Pistoia, la Lucca-Aulla, solo per citarne alcune”.

“Rapporti recenti, come Pendolaria di Legambiente, riconoscono come la Toscana sia tra le regioni che spende di più per riaprire linee chiuse, per migliorare la qualità dei treni, per informare in modo puntuale gli utenti. Allo stesso tempo però i disagi aumentano e vogliamo capire perchè. Difronte a questa situazione – conclude Ceccarelli – riconvocheremo al più presto i gestori per affrontare tutte questi problemi prima del rinnovo del contratto”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Disservizi ferrovie, presto nuovo incontro con gestori prima del rinnovo del contratto Disservizi ferrovie, presto nuovo incontro con gestori prima del rinnovo del contratto ultima modifica: 2015-01-04T00:03:38+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento