Evento sismico in provincia di Cosenza, M4.4, 28 dicembre ore 22.43

Un terremoto di magnitudo 4.4 è avvenuto alle ore 22:43:38 italiane ed è stato localizzato dalla Rete Sismica Nazionale dell’INGV in provincia di Cosenza a una profondità di 11.1 km.

map_loc_tcCosenza
Localizzazione dell’evento sismico di magnitudo 4.4 avvenuto oggi, 28 dicembre, alle ore 22.43 italiane.

Comuni entro i 10 km: APRIGLIANO (CS), CASOLE BRUZIO (CS), CASTIGLIONE COSENTINO (CS), CELICO (CS). CELLARA (CS), FIGLINE VEGLIATURO (CS), LAPPANO (CS), MANGONE (CS), PEDACE (CS), PIANE CRATI (CS), PIETRAFITTA (CS), ROVITO (CS), SAN PIETRO IN GUARANO (CS), SERRA PEDACE (CS), SPEZZANO DELLA SILA (CS), SPEZZANO PICCOLO (CS), TRENTA (CS), ZUMPANO (CS).

Comuni tra 10 e 20 km: ALTILIA (CS), BELSITO (CS), BIANCHI (CS), CAROLEI (CS), CARPANZANO (CS), CASTROLIBERO (CS), CERISANO (CS), COLOSIMI (CS), COSENZA (CS), DIPIGNANO (CS), DOMANICO (CS), GRIMALDI (CS), LUZZI (CS), MALITO (CS), MARANO MARCHESATO (CS), MARANO PRINCIPATO (CS), MARZI (CS), MENDICINO (CS), PARENTI (CS), PATERNO CALABRO (CS), PEDIVIGLIANO (CS), RENDE (CS), ROGLIANO (CS), ROSE (CS), SANTO STEFANO DI ROGLIANO (CS), SCIGLIANO (CS).

 

Magnitudo(Ml) 4.4 – CALABRIA – COSENZA
28/12/2014 22:43:38 (italiana)
28/12/2014 21:43:38 (UTC)

Map Location
Hai sentito il terremoto? Clicca qui.

Comunicato


Un terremoto di magnitudo(Ml) 4.4 è avvenuto alle ore 22:43:38 italiane del giorno 28/Dic/2014 (21:43:38 28/Dic/2014 – UTC).
Il terremoto è stato localizzato dalla Rete Sismica Nazionale dell’INGV nel distretto sismico: La_Sila.
I valori delle coordinate ipocentrali e della magnitudo rappresentano la migliore stima con i dati a disposizione. Eventuali nuovi dati o analisi potrebbero far variare le stime attuali della localizzazione e della magnitudo.

Dati evento


Event-ID 4004782251
Magnitudo(Ml) 4.4
Data-Ora 28/12/2014 alle 22:43:38 (italiane)
28/12/2014 alle 21:43:38 (UTC)
Coordinate 39.2918°N, 16.3583°E
Profondità 11.1 km
Distretto sismico La_Sila
Comuni entro i 10Km

APRIGLIANO (CS)
CASOLE BRUZIO (CS)
CASTIGLIONE COSENTINO (CS)
CELICO (CS)
CELLARA (CS)
FIGLINE VEGLIATURO (CS)
LAPPANO (CS)
MANGONE (CS)
PEDACE (CS)
PIANE CRATI (CS)
PIETRAFITTA (CS)
ROVITO (CS)
SAN PIETRO IN GUARANO (CS)
SERRA PEDACE (CS)
SPEZZANO DELLA SILA (CS)
SPEZZANO PICCOLO (CS)
TRENTA (CS)
ZUMPANO (CS)

Comuni tra 10 e 20km

ALTILIA (CS)
BELSITO (CS)
BIANCHI (CS)
CAROLEI (CS)
CARPANZANO (CS)
CASTROLIBERO (CS)
CERISANO (CS)
COLOSIMI (CS)
COSENZA (CS)
DIPIGNANO (CS)
DOMANICO (CS)
GRIMALDI (CS)
LUZZI (CS)
MALITO (CS)
MARANO MARCHESATO (CS)
MARANO PRINCIPATO (CS)
MARZI (CS)
MENDICINO (CS)
PARENTI (CS)
PATERNO CALABRO (CS)
PEDIVIGLIANO (CS)
RENDE (CS)
ROGLIANO (CS)
ROSE (CS)
SANTO STEFANO DI ROGLIANO (CS)
SCIGLIANO (CS)

Maggiori informazioni sismiche

Mappe

Mappa stazioni sismiche Il terremoto è stato localizzato con i dati delle stazioni della Rete Sismica Nazionale dell’INGV (quadrati). La localizzazione epicentrale riportata nella figura e’ quella rivista dagli operatori della Sala Sismica dell’INGV e comunicata al Dipartimento di Protezione Civile subito dopo l’evento. I dati relativi a ogni terremoto rilevato dalla rete INGV vengono rivisti successivamente da personale specializzato prima di essere inseriti nel Bollettino della sismicita’ italiana.

CPTI 04 CPTI 04 CPTI 04
Le tre carte mostrano l’attività sismica della regione in tre diversi intervalli temporali.
Sinistra: Dall’anno 0 all’anno 2002 (Catalogo Parametrico dei Terremoti Italiani, versione 2004 CPTI04, Gruppo di Lavoro CPTI, 2004): sono rappresentati con i quadrati gialli gli epicentri dei terremoti di Magnitudo Momento pari o superiore a 6; accanto al simbolo l’anno in cui e’ avvenuto il terremoto.
Centro: La sismicita’ localizzata dalla Rete Sismica Nazionale dal 1/1/2003 al 31/12/2008 (Mag>=2.5); la grandezza dei simboli è proporzionale alla magnitudo del terremoto: i colori indicano differenti profondita’ degli ipocentri.
Destra: La sismicita’ rilevata dalla Rete Sismica Nazionale negli ultimi 90 giorni; i dati riportati in questa mappa provengono dalle analisi effettuate nella Sala Sismica dell’INGV subito dopo ogni terremoto e possono quindi contenere piccoli errori. I dati rivisti sono pubblicati con cadenza quindicinale sulle pagine del Bollettino sismico.

map_haz CPTI 04
Sinistra: Mappa di pericolosità sismica del territorio nazionale (GdL MPS, 2004; rif. Ordinanza PCM del 28 aprile 2005, n. 3519, All. 1b) espressa in termini di accelerazione massima del suolo con probabilità di eccedenza del 10% in 50 anni, riferita a suoli rigidi (Vs30>800 m/s; cat. A, punto 3.2.1 del D.M. 14.09.2005).
Destra: Zone sismiche del territorio italiano (2003) – Le zone riportate sono quelle allegate all’Ordinanza PCM 3275 del 20/03/2003. Le variazioni introdotte dalle Regioni sulla base della suddetta Ordinanza e di quanto previsto dall’OPCM 3519/2006, devono essere verificate presso i rispettivi Uffici Regionali.
La zona 1 (in rosso) prevede il massimo livello di protezione, la zona 4 il minimo.

Intensity PGA PGV
Le tre mappe mostrano i risultati dell’elaborazione denominata ShakeMap per la stima dei parametri di scuotimento del suolo sulla base di dati osservati e delle successive interpolazioni che fanno uso sia di conoscenze sismologiche che di ingegneria sismica.

Sinistra: Mappa delle intensita’ strumentali. La scala utilizzata e’ simile (ma non identica) a quella Mercalli e si basa sui valori registrati di effettivo scuotimento del suolo in termini di picchi di accelerazione e velocita’ del suolo. In contrapposizione, la scala delle intensita’ Mercalli (e le sue derivate) si basa sugli effetti osservabili che lo scuotimento induce e che viene riportata da un osservatore.
Centro: Mappa delle accelerazioni di picco registrate ed espresse in percentuale della accelerazione di gravita’ (%g).
Destra: Mappa delle velocita’ di picco registrate ed espresse in cm/s.

Per ulteriori informazioni, consulta il sito dedicato delle ShakeMap qui.


DMT La soluzione graficata e’ ottenuta con i dati a larga banda della Rete Sismica Nazionale e della rete MedNet dell’INGV.

Per altri TDMT, clicca qui.


Mappa del risentimento macrosismico Mappe elaborate utilizzando un questionario rivolto al singolo cittadino che verte alla conoscenza degli effetti che il terremoto ha avuto su di lui e sulla sua abitazione. L’osservazione di un singolo individuo viene probabilisticamente associata ad un valore delle scale M.C.S. ed E.M.S..

Queste mappe non hanno carattere definitivo e vengono aggiornate quando sono disponibili nuovi dati. Informazioni piu’ dettagliate sulle mappe e sulle scale:http://www.haisentitoilterremoto.it/

Per domande e chiarimenti sul Questionario Macrosismico:haisentitoilterremoto@ingv.it

Hai sentito il terremoto? Clicca qui.

Maggiori informazioni sismiche


Tempo Origine (UTC): 21:43:38
Lat: 39.2918°N
Lon: 16.3583°E
Magnitudo (Ml): 4.4
Profondità: 11.1 km
Errore Orizzontale: +/- 0.69 Km
Errore Verticale: +/- 0.88 Km
Errore Magnitudo: +/- 0.27
Gap: 56°
Sta P-time S-time P-res U P-wght S-res U S_wght Dist
CAR1 214341.93 214344.35 0.18 T 100 0.06 T 77 13.3
SERS 214345.68 214351.2 -0.21 T 47 -0.44 T 68 40.2
TDS 214345.45 -0.55 T 87 T 41.0
CET2 214346.30 214352.19 -0.1 T 96 -0.15 T 72 43.5
PIPA 214346.72 0.13 T 96 T 44.8
GRI 214347.48 214354.84 -0.3 T 91 0.12 T 71 52.5
T0702 214347.66 214354.96 -0.23 T 92 0.05 T 72 53.2
LADO 214347.62 214356.17 -0.31 T 91 1.19 T 48 53.4
SALB 214348.97 -0.74 T 77 T 65.0
MMN 214351.17 0.14 T 90 T 73.6
ORI 214352.48 -0.26 T 86 T 84.7
JOPP 214353.18 214403.74 0.19 T 66 -0.02 T 68 86.4
CUC 214353.68 214405.87 0.01 T 90 0.94 T 34 90.8
PLAC 214354.51 0.36 T 21 T 93.9
IST3 214356.67 -0.21 T 41 T 111.7
MGR 214357.5 -0.57 T 75 T 116.5
AG51 214358.6 0.04 T 42 T 119.1
AG11 214400.1 1.74 T 41 T 120.7
MCEL 214359.17 0.36 T 78 T 124.2
MSCL 214359.34 0 T 83 T 127.7
SOI 214401.21 0.28 T 77 T 138.0
MTTG 214403.45 0.03 T 39 T 154.2
MRVN 214410.34 0.96 T 23 T 197.1

 


Download area


EIDA

 


Disclaimer


Sebbene tutti i parametri forniti siano stati rivisti da analisti sismologi, nessuna garanzia implicita o esplicita e’ fornita. Ogni rischio derivante da un uso improprio dei parametri o dall’utilizzo delle informazioni inaccurate e’ assunto dall’utente.

Lascia un commento