Angelo Pastore nuovo direttore del Teatro Stabile di Genova

Presidenza e Consiglio di Amministrazione del Teatro Stabile di Genova, dopo avere svolto colloqui individuali di valutazione degli otto candidati indicati idonei dalla Commissione di Esperti, hanno individuato in Angelo Pastore il nuovo Direttore.
Le numerose e articolate esperienze del candidato, attualmente Direttore del Teatro Stabile di Brescia, fanno ritenere che, pur nelle necessarie novità della nuova Direzione, siano rispettate quelle competenze manageriali e artistiche e quella serietà di conduzione che hanno caratterizzato l’opera di Carlo Repetti e che hanno permesso al nostro Teatro di potersi autorevolmente candidare Teatro Nazionale.
Il Consiglio del Teatro ricorda di avere seguito un percorso concorsuale indicato dalle Amministrazioni pubbliche, correttamente articolato, aperto a tutti e di grande trasparenza.
L’Amministrazione ringrazia gli ottantaquattro candidati che si sono presentati alla valutazione alcuni anche da altre nazioni e ciascuno con curricola interessanti che l’hanno impegnata in una attenta selezione.
Angelo Pastore, 60 anni torinese si è formato al Teatro Stabile di Torino sotto la direzione di Giorgio Guazzotti.
Ha collaborato con Ronconi, Castri, Lavia, Lievi, Shammah, Navello.
Dal 2000 è consulente organizzativo del Teatro Stabile di Brescia e dal 2010 ne è Direttore con Franco Branciaroli come consulente artistico.
Ha inoltre ricoperto la carica di Direttore Organizzativo del Teatro Franco Parenti; Commissario Straordinario del Circuito Teatrale del Piemonte; Direttore del Teatro Quirino di Roma nel passaggio di gestione da pubblica a privata. Ha partecipato anche alla fondazione del Teatro Piemonte Europa Teatro d’Innovazione e ha curato il Festival delle Dimore Sabaude.

9 su 10 da parte di 34 recensori Angelo Pastore nuovo direttore del Teatro Stabile di Genova Angelo Pastore nuovo direttore del Teatro Stabile di Genova ultima modifica: 2014-12-29T00:05:02+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento