Santo Stefano all’ippodromo di San Rossore

Il giorno di Santo Stefano all’ippodromo sarà articolato su sette corse e chiusura di pomeriggio con la Tris Straordinaria. Il premio Giorgio Macchi è un handicap per cavalieri e amazzoni, settima tappa della San Rossore Ladies & Gents Cup. Jak Du Lac è senza dubbio il concorrente da battere. Ci proverà il lanciato Groovy Hill ma anche i pesi massimi Paso Escabroso e Middle Grey possono inserirsi. La sorpresa è Laghat che torna sualla sua distanza preferita.

Il premio Pietro Gubellini è un bellissimo handicap sui 1.500 metri nel quale Pepparone parte certamente con il ruolo di favorito. Cianchino sono già diverse volte che sfiora il successo e, stavolta, il suo tema spera di far centro ma non si deve trascurare neppure la chance di Major Conquest, di recente tornato alla vittoria. Attenzione anche a Sincotti che in questo ocntesto non è affatto da trascurare.

La chiusura è dedicata al premio Roberto Renzoni, indecifrabile handicap sui 1.200 metri e scelto come Tris Straordinaria della domenica. Wonderful Wind ha l’opportunità per bissare il successo pisano del mese scorso ma il suo compito non sarà facile vista l’agguerrita opposizione che è cappeggiata da Andreino e Bentley Man. Anche Alexanor viene da lunga serie di risultati positivi mentre l’incognita è rappresentata da Lan Brave rientrato di recente dopo lunga assenza dalle piste.

Oltra alle corse ci sono tante altre iniziative per il pubblico:
– Turf & Style: le persone più eleganti presenti all’ippodromo saranno invitate per un brindisi
– Keep Calm and San Rossore: al negozio dell’ippodromo la t-shirt “Keep Calm and Ippodromo San Rossore” per i bambini
– animazione a Ippolandia: costruisco un cavallo e lo personalizzo
– Dietro le quinte e dentro la scmmessa per vedere i protagonisti delle corse da vicino

9 su 10 da parte di 34 recensori Santo Stefano all’ippodromo di San Rossore Santo Stefano all’ippodromo di San Rossore ultima modifica: 2014-12-26T00:06:22+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento