Natale al Meyer, il sindaco Nardella indossa i panni di Babbo Natale e porta doni ai piccoli pazienti

Come ormai da tradizione, si è tenuta la visita di Natale del sindaco Dario Nardella, insieme alla Fondazione Tommasino Bacciotti, ai bambini ricoverati all’ospedale pediatrico Meyer.

Nardella Babbo Natale

Il sindaco, vestito da Babbo Natale, ha fatto gli auguri e consegnato buste con i doni della Fondazione ai piccoli pazienti ricoverati nei Reparti dell’ospedale pediatrico in compagnia di Paolo Bacciotti, presidente della Fondazione Tommasino Bacciotti, di sua moglie Barbara, del commissario del Meyer Alberto Zanobini, del personale sanitario dell’ospedale e i volontari della Onlus che ha promosso l’iniziativa e che ha lo scopo di raccogliere fondi da devolvere ad attività di studio, assistenza e informazione sui tumori cerebrali infantili. Tutti insieme hanno portato un momento di spensieratezza per tutte le famiglie che sono costrette a passare le festività lontane da casa.
“Sono molto emozionato e contento di essere al Meyer con la Fondazione Bacciotti, il commissario e il personale del Meyer – ha detto il sindaco Nardella -, un’Istituzione che alberga nel cuore di tutti i fiorentini. Con il Natale l’amicizia e l’amore per il Meyer si fanno ancora più intensi. Ringrazio la generosità dei fiorentini, la professionalità di tanti medici, infermieri e amministrativi e l’impegno della Fondazione Bacciotti e del mondo del volontariato e dell’associazionismo, che fanno del Meyer il nostro fiore all’occhiello”. “Auguro ai piccoli pazienti, alle loro famiglie e a tutti i fiorentini buon Natale e buon anno”, ha concluso il sindaco.
“Per noi è un momento molto particolare – ha detto Paolo Bacciotti -: sono 14 anni che abbiamo questa tradizione di portare i regali con il sindaco ai bambini ricoverati al Meyer. Inoltre, la giornata di oggi è importante anche perché pochi giorni fa c’è stato l’anniversario della scomparsa di nostro figlio Tommasino”. “Grazie alla Fondazione mettiamo 13 appartamenti a disposizione delle famiglie che vengono al Meyer da qualsiasi parte d’Italia – ha spiegato Bacciotti -. Li diamo gratuitamente, non pagano né affitto, né acqua, né luce e né gas e ci stanno tutto il periodo del ricovero del bambino. È un progetto molto importante che realizziamo grazie all’ospedale pediatrico”. “Grazie ai nostri volontari e agli sponsor che ci aiutano in questo progetto – ha concluso Paolo Bacciotti – diamo un supporto ai genitori e li ospitiamo gratuitamente, ogni giorno ospitiamo 60 persone e alla fine dell’anno le famiglie possono risparmiare tanti soldi per stare vicini ai propri figli”.

Lascia un commento