A Milano dopo biciclette e auto in arrivo gli scooter in condivisione

Milano amplia la sua offerta di mobilità condivisa. Dopo biciclette e auto in sharing i milanesi potranno scegliere lo scooter per spostarsi in città. Sono state approvate dalla Giunta le linee guida per l’individuazione dei soggetti pubblici o privati interessati a svolgere il nuovo servizio di scooter sharing che prenderà avvio dal 21 marzo 2015.
“Qualunque sia il mezzo di trasporto a Milano deve essere disponibile anche in sharing” così l’assessore alla Mobilità e Ambiente Pierfrancesco Maran, che prosegue: “Sono certo che, come accaduto per i servizi di car sharing, saranno diversi gli operatori che vorranno contribuire a cambiare il volto della mobilità cittadina, e saranno moltissimi i milanesi che usufruiranno di questo nuovo servizio. Il futuro della mobilità è questo: poter contare, in qualunque momento, di un mezzo di trasporto comodo per spostarsi, senza essere obbligati ad acquistarlo”.

Lo scooter sharing rappresenta un passo in più per la costruzione di un ampio e diversificato servizio di mobilità complementare al trasporto pubblico locale e, come per il bike sharing ed il car sharing, sarà usufruibile dietro pagamento di una quota proporzionale al tempo d’uso e ai chilometri percorsi. Il servizio inoltre contribuirà a limitare le emissioni inquinanti attraverso un minor utilizzo dei veicoli di proprietà, e a ridurre il tasso di motorizzazione in città. A Milano ad oggi i motocicli immatricolati sono 156.736 (dato ACI), 93.400 i ciclomotori (stima Amat). Nel 2013, anno di avvio del car sharing, il numero di auto immatricolate a Milano è sceso da 717mila a 701mila: è stata la più grande riduzione del decennio, in controtendenza con i dati nazionali.

All’avviso pubblico per i servizi di scooter sharing, in regime di libera concorrenza, potranno partecipare soggetti sia pubblici che privati organizzati in forma di impresa individuale o societarie, sia in forma in ATI o anche in forma consortile. Oltre a garantire un servizio attivo 365 giorni e disponibile 24 ore su 24, con una flotta mezzi adeguati alle esigenze e alle dimensioni del territorio (minimo 120 tra ciclomotori, motocicli o tricicli a scelta tra modelli Euro più evoluti, ibridi o elettrici tutti dotati di almeno un casco) i gestori dovranno impegnarsi anche ad organizzare, con cadenza semestrale, per i propri abbonati, corsi di formazione alla guida e alle sicurezza stradale volti a garantire l’incolumità sia dei fruitori sia dei pedoni, ciclisti e automobilisti . Lo scooter sharing sarà accessibile ai cittadini che hanno compiuto 18 anni. Per quanto riguarda la possibilità di viaggiare in due persone su un unico scooter, la scelta è lasciata ai soggetti che parteciperanno al bando, a seconda delle caratteristiche del mezzo. Tutti gli scooter potranno parcheggiare liberamente in città , nei limiti della legalità, e dovranno essere riconoscibili attraverso il logo del Comune e del singolo gestore posizionati lungo le fiancate dei veicoli. Per ogni scooter messo in servizio la convenzione prevede anche sia attivato, da parte dei singoli gestori, un investimento minimo di 100 euro per la realizzazione di corsi rivolti ai giovani sulla sicurezza stradale da svolgersi nelle scuole cittadine secondo un programma da concordarsi preventivamente con l’Amministrazione comunale.

9 su 10 da parte di 34 recensori A Milano dopo biciclette e auto in arrivo gli scooter in condivisione A Milano dopo biciclette e auto in arrivo gli scooter in condivisione ultima modifica: 2014-12-20T00:03:28+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento