Matera, in uno spettacolo gli ultimi quarant’anni del Liceo Duni

Il 18 dicembre alle 20,30 e in replica il 19 dicembre alle 09, presso il Teatro Duni di Matera andrà in scena lo spettacolo ,”La Scuola siamo noi – Storie del Liceo Duni” organizzato dal Liceo Classico “Emanuele Duni” nell’ambito del progetto “Educazione alla mondialità- Banco della solidarietà 2014”.

Il titolo colloca lo spettacolo nel quadro delle celebrazioni per i 150 anni del Liceo Classico “Emanuele Duni” e vuole ripercorrere in quattro atti altrettanti fotogrammi degli ultimi quarant’anni di vita di un’istituzione che ha segnato la cultura della città, vissuti, però, con gli occhi e secondo il punto di vista di ipotetici studenti liceali dell’epoca.

La rappresentazione teatrale, scritta e sceneggiata dagli studenti, con il corredo di scenografie, coreografie originali e arrangiamenti musicali eseguiti da coro e orchestra dal vivo, colloca le vicende realistiche di giovani liceali nel quadro storico degli anni ’70, epoca di rivoluzione, degli anni ’80 con i loro eccessi di costume, degli anni ’90 con le loro contraddizioni, fino ai giorni nostri, che hanno aperto definitivamente le porte all’era techno.Il lavoro di preparazione ed allestimento dello spettacolo ha visto coinvolti oltre 200 allievi (con circa 60 attori, 80 ballerine, una trentina tra musicisti, solisti e coristi e più di cinquanta scenografi), guidati dalle professoresse Antonella Forlenza, Maghita Palumbo, Giovanna Quarto e Maria Luisa Maddes, coadiuvate da Ettore Camarda, che da anni condivide le finalità del progetto e mette a disposizione il suo tempo ed il suo talento. Il progetto ha potuto vedere la luce anche quest’anno grazie alla disponibilità ed al sostegno del neo dirigente scolastico, prof.ssa Marialuisa Sabino.

9 su 10 da parte di 34 recensori Matera, in uno spettacolo gli ultimi quarant’anni del Liceo Duni Matera, in uno spettacolo gli ultimi quarant’anni del Liceo Duni ultima modifica: 2014-12-14T00:06:54+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento