Sabato castagne e Ferrari per la sagra di Calvello

“A Calvello da qualche anno la parola d’ordine è destagionalizzare. Anche quest’anno, per tutto il mese di ottobre, un cartellone molto ricco ha previsto un’offerta articolata con spettacoli, musica, convegni e tanti altri eventi tesi a promuovere i prodotti locali e a valorizzare le abbondanti risorse naturalistiche e paesaggistiche, al fine di invogliare i turisti a frequentare il nostro territorio non solo in agosto”.

E’ quanto sostiene in una nota il sindaco di Calvello, Antonio Gallicchio, secondo il quale “a Calvello istituzioni ed associazioni si sono impegnate strategicamente ed in modo virtuoso a favorire la cosiddetta destagionalizzazione delle presenze turistiche”.

“In relazione all’aumentato afflusso registrato in questi week end di ottobre – prosegue il sindaco – ci conforta la soddisfazione degli operatori locali del settore. Sabato 25 ottobre è in programma la XV edizione della “Sagra della castagna e dei prodotti del sottobosco”. Vi invitiamo a degustare i prodotti tipici dell’enogastronomia locale in uno scenario animato da forme artistiche e musicali di apprezzato valore culturale. Di scena Musica di Basilicata live, un progetto innovativo in cui la musica unisce, dimostrando la crescita di un territorio nella sua identità; ed uno spettacolo comico con Ciro Giustiniani da Made in Sud. Quest’anno, però – conclude il sindaco di Calvello – non solo sagre e spettacoli, ma si chiude con il botto, all’insegna della diversificazione dell’offerta. La protagonista di sabato 25 ottobre a Calvello non sarà solo la castagna, ma la Ferrari F10 di Formula 1, con cui Alonso nel Mondiale 2010 giunse secondo. Si potrà ammirare, nello stand allestito in piazza, la Ferrari di F1 e sentire il fascino della “rossa” da vicino”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Sabato castagne e Ferrari per la sagra di Calvello Sabato castagne e Ferrari per la sagra di Calvello ultima modifica: 2014-10-22T00:15:31+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento