Napoli, controlli ai parcheggiatori abusivi presso istituti scolastici

Nell’ambito dei servizi predisposti dal Comando Generale della Polizia Municipale mirati al controllo del fenomeno dei parcheggiatori abusivi, con particolare riferimento alla tutela delle zone frequentate da minori, gli agenti della Unità Operativa Tutela Emergenze Sociali e Minori hanno effettuato un’ azione di controllo nelle strade adiacenti diversi istituti scolastici situati nel quartiere di Poggioreale.

Nelle strade prospicienti 6 plessi scolastici presenti in Piazza Nazionale e strade adiacenti sono stati verbalizzati 8 parcheggiatori abusivi che illegalmente gestivano la sosta di veicoli in uso prevalentemente a persone impegnate in attività scolastiche e genitori di minori frequentanti le scuole.

Ai parcheggiatori abusivi sono stati sequestrati 165 euro, quali proventi dell’illecita attività e, a seguito di accertamenti, sono state rinvenute 12 mazzi di chiavi di auto affidate dai proprietari ai suddetti parcheggiatori.

Riepilogo dati inerenti l’azione di controllo:
8 parcheggiatori verbalizzati;
165 euro sequestrati quali proventi dell’attività illecita;
21 verbali per divieto di sosta;
1 verbale elevato ai sensi dell’art 180 C.d.S. perché sprovvisto di documenti di guida;
1 parcheggiatore abusivo è stato sanzionato ai sensi dell’art 126 C.d.S. perché aveva la patente scaduta di validità;

I controlli, mirati anche a tutelare la presenza dei minori, continueranno nei prossimi giorni in altri quartieri della Città.
In piazza Nazionale, innanzi a un noto supermercato della zona, sono intervenuti gli agenti della Unità Operativa Investigativa Centrale diretti dal capitano De Martino Giuseppe e hanno verbalizzato un parcheggiatore abusivo che era solito insistere nel chiedere soldi ai cittadini.

9 su 10 da parte di 34 recensori Napoli, controlli ai parcheggiatori abusivi presso istituti scolastici Napoli, controlli ai parcheggiatori abusivi presso istituti scolastici ultima modifica: 2014-10-05T00:08:20+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn2

Lascia un commento