Milano ha un nuovo Regolamento edilizio

L’Aula di Palazzo Marino ha dato il via libera definitivo, con 26 voti favorevoli e 11 contrari, al testo che fissa le regole per il settore. “Sono molto soddisfatta – ha dichiarato il vicesindaco con delega all’Urbanistica Ada Lucia De Cesaris – perché si conclude un percorso durato oltre un anno, caratterizzato dal confronto e dall’ascolto della città. Prima di questo ultimo passaggio in Consiglio comunale, infatti, abbiamo dialogato a lungo con ordini professionali, operatori, sindacati, associazioni ambientaliste e cittadine, cooperative. Non solo i due passaggi in Giunta e le tante sedute in Consiglio comunale, quindi, ma ricordo anche la collaborazione con la Asl e l’analisi puntuale delle 468 osservazioni presentate agli uffici che voglio ringraziare per il lavoro fatto, la capacità di ascolto e la professionalità”.

“Milano – ha sottolineato De Cesaris – può essere orgogliosa di avere un testo moderno a tutela del territorio attraverso la scelta strategica di porre al centro le regole per il riutilizzo e la  rigenerazione, la lotta all’abbandono di spazi ed edifici e il diritto all’accessibilità. Insieme, abbiamo introdotto norme capaci di garantire semplificazione e accelerazione delle procedure per cittadini e operatori. Sono elementi fondamentali per sostenere credibilmente la ripresa di un settore vitale dell’economia”.

Il nuovo Regolamento edilizio, che diventerà efficace dopo la pubblicazione sul BURL (Bollettino ufficiale della Regione Lombardia), aggiorna le procedure e recepisce tutte le norme – comprese quelle del Pgt – che si sono susseguite dal 1999 ad oggi. Si tratta di un testo dinamico che si aggiornerà automaticamente in presenza di norme sovraordinate.

Milano per la prima volta stabilisce regole chiare per garantire, anche con soluzioni temporanee, il diritto all’accessibilità in tutti i locali pubblici e privati aperti al pubblico.

Il Regolamento fissa i parametri per l’utilizzo degli incentivi volumetrici previsti dal Pgt per edifici ad alta efficienza energetica o che sono stati progettati con concorso. Nel testo si stabiliscono i nuovi requisiti minimi in materia di efficientamento energetico.

Nuove anche le norme per contrastare la diffusione selvaggia di sale gioco e scommesse che non potranno aprire ad una distanza inferiore a 500 metri da scuole, chiese, parchi e ospedali. Grazie a queste, non sarà possibile aprire nuovi locali nel 99% del territorio urbano abitato.

Valorizzazione e rigenerazione dell’esistente sono elementi caratterizzanti il nuovo Regolamento edilizio. In questa direzione vanno le norme che consentono la realizzazione di unità monoaffaccio, seminterrati abitabili, alloggi con metrature minime di 28 mq e la possibilità di realizzare un solo bagno cieco anche in appartamenti di superficie superiore ai 60 mq.

Per rendere efficace la lotta al degrado, grazie al nuovo testo, il Comune può intervenire in via sostitutiva per eseguire interventi di ripristino e messa in sicurezza di aree o edifici abbandonati da oltre 5 anni e potrà attribuire a tali beni un uso pubblico.

In materia di manutenzione, inoltre, si prevede che entro 5 anni, tutti i fabbricati con data di collaudo delle strutture superiore a 50 anni, dovranno essere sottoposti a verifica statica da allegare al fascicolo del fabbricato a tutela della sicurezza di chi vi abita.

Va segnalata anche la nuova regolamentazione per le fognature che sostituisce la precedente vecchia di decenni.

Il Regolamento edilizio appena varato conferma infine molte scelte che caratterizzano questa Amministrazione come, ad esempio, le norme che favoriscono i giochi dei bambini nei cortili e il parcheggio delle biciclette.

9 su 10 da parte di 34 recensori Milano ha un nuovo Regolamento edilizio Milano ha un nuovo Regolamento edilizio ultima modifica: 2014-10-03T01:59:51+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento