Uiltucs-Uil su vertenza Vultur Security

La segreteria regionale della UILTuCS-UIL di Basilicata, in una nota comunica l’avvio della procedura, dello STATO di AGITAZIONE dei lavoratori dell’Istituto di vigilanza Vultur Security di Melfi, con il conseguente blocco di ogni forma di flessibilità prevista contrattualmente e/o concordata fra le parti.

“La nostra Organizzazione sindacale –dichiara Rocco Della Luna, segretario regionale UILTuCS- esprime forte preoccupazione per il perdurare di uno stato di grande incertezza e confusione presente nell’Istituto di vigilanza. I lavoratori hanno sempre dato grande disponibilità alla proprietà, anche condividendo un percorso di revisione, in peius, della loro retribuzione. E’ stata la dimostrazione di come i lavoratori fossero legati al proprio lavoro e di come volessero tenerselo ben stretto”.

“L’avvio dello stato di agitazione e, qualora non intervengano condizioni diverse, di azioni ancora più forti- aggiunge Della Luna – è determinato da diverse situazioni, partendo dalla mancata corresponsione della 14° mensilità, senza che la Società abbia provveduto ad informare né le organizzazioni sindacali néi lavoratori; l’assenza di risposte della Società sui tempi di erogazione dei pagamenti arretrati vantati dai lavoratori, snobbando anche la richiesta ufficiale del sindacato; l’atteggiamento persecutorio verso i lavoratori con un aumento esponenziale di lettere di contestazione e successivi provvedimenti di natura disciplinare; l’assenza di una necessaria ed opportuna organizzazione del lavoro come si evince dai costanti cambiamenti quotidiani di turni ed orari di lavoro”.

“Poiché parliamo di lavoratori addetti alla sicurezza del patrimonio pubblico/privato – conclude Della Luna- riteniamo indispensabile che chi di dovere intervenga con urgenza ed immediatezza, a tutela di tutti i lavoratori interessati”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Uiltucs-Uil su vertenza Vultur Security Uiltucs-Uil su vertenza Vultur Security ultima modifica: 2014-09-06T01:19:50+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento