All’Olimpico la Partita Interreligiosa. La ispira Papa Francesco

partita interreligiosaAlle 20.45 allo Stadio Olimpico, si gioca la prima Partita Interreligiosa Per la Pace. Grandi glorie del calcio mondiale (giocatori e allenatori), appartenenti a diverse confessioni religiose, danno vita a un evento di forte valore simbolico, direttamente ispirato da Papa Francesco. Fratellanza tra culture diverse nel segno della pace e della comune umanità, sostegno ai poveri e agli emarginati del pianeta: questi i temi su cui la Partita Interreligiosa intende porre l’accento.

Qualche nome tra i campioni partecipanti: Lionel Messi, Gianluigi Buffon, Zinedine Zidane, Javier Zanetti, Roberto Baggio, Andrea Pirlo, Yuto Nagatomo, Samuel Eto’o. La piattaforma media: diretta tv su Rai Uno e radiofonica su Radio Uno. Animazione musicale a cura di Radio Italia.

Il ricavato dei biglietti venduti va interamente a due enti impegnati nell’aiuto agli ultimi, in Europa come in Sudamerica e altrove: Scholas Occurrentes, entità educativa di bene pubblico promossa da Papa Francesco, che usa la tecnologia, l’arte e lo sport per favorire l’integrazione sociale e la cultura dell’incontro nelle scuole; e la fondazione P.U.P.I. onlus, creata da Paula e Javier Zanetti, che da oltre dieci anni promuove programmi di adozione a distanza e di assistenza, tra cui Un’alternativa di vita, il progetto che la Partita Interreligiosa sostiene direttamente. L’evento è nato nel corso di un colloquio tra Papa Francesco e i responsabili delle due associazioni.

La partita è patrocinata da Roma Capitale, Coni, Figc, Lega Serie A. I prezzi dei biglietti: curve 8 euro, tribuna Tevere 10, tribuna Monte Mario 30. Prevendite in corso presso i punti vendita Listicket – Gruppo TicketOne, anche online su listicket.com.

9 su 10 da parte di 34 recensori All’Olimpico la Partita Interreligiosa. La ispira Papa Francesco All’Olimpico la Partita Interreligiosa. La ispira Papa Francesco ultima modifica: 2014-09-01T00:44:17+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento