Melito Porto Salvo, arrestati Carmelo Iamonte, Gianpaolo Chilà, Bartolo e Francesco Verduci

Arrestate con l’accusa di associazione per delinquere di tipo mafioso quattro persone presunte affiliate alla cosca di ‘ndrangheta degli Iamonte, che ha la sua base operativa a Melito Porto Salvo, nel Reggino. Gli arrestati sono Carmelo Iamonte, 49 anni; Gianpaolo Chilà, 36 anni ed i cugini Bartolo e Francesco Verduci, di 28 e 26 anni. Le indagini che hanno portato ai quattro arresti, coordinate dalla Dda di Reggio Calabria, hanno consentito, secondo quanto riferiscono i Carabinieri, di confermare e documentare che la cosca Iamonte, nonostante i colpi inferti recentemente con le operazioni “Crimine”, “Ada” e “Sipario”, ha persistito in un’infiltrazione pervasiva all’interno della comunità, riuscendo a condizionarne le attività economiche e le scelte politiche. Le investigazioni hanno focalizzato l’attenzione sulle attività della cosca ed hanno consentito di accertare che l’organizzazione criminale, con strumenti, condotte e dinamiche tipiche e consolidate della criminalità organizzata, ha condizionato le attività imprenditoriali nel settore edilizio, sia pubblico che privato, attraverso il controllo di imprese locali e, più in generale, di tutte le attività produttive, subordinando al proprio benestare e consenso l’inizio di qualunque attività economica, attraverso il pagamento del pizzo e l’imposizione delle forniture e della manodopera”.

Gli Iamonte, inoltre, in alcuni casi, avrebbero indirizzato l’aggiudicazione delle gare d’appalto e dei relativi ad imprese riconducibili alla cosca.

9 su 10 da parte di 34 recensori Melito Porto Salvo, arrestati Carmelo Iamonte, Gianpaolo Chilà, Bartolo e Francesco Verduci Melito Porto Salvo, arrestati Carmelo Iamonte, Gianpaolo Chilà, Bartolo e Francesco Verduci ultima modifica: 2014-07-23T11:48:47+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn1

Lascia un commento