Siena, la presenza delle guardie zoofile in città ha già prodotto buoni risultati

Ha già prodotto buoni risultati la convenzione stipulata con l’Ente nazionale protezione animali per fronteggiare e risolvere, con personale specializzato, le criticità spesso segnalate e relative alla presenza di cani sciolti in spazi pubblici e la non raccolta delle deiezioni. Un risultato dovuto, sicuramente alla visibilità delle guardie zoofile che stanno sorvegliato le zone cittadine. “Dal resoconto presentato dal presidente dell’ENPA Giovanni Pacini – ha informato l’assessore alla tutela degli animali Leonardo Tafani – le guardie zoofile, a partire dallo scorso febbraio, hanno controllato le aree di sgambamento all’Orto de’ Tolomei, S. Miniato, Parco di Pescaia e viale Don Minzoni, nella zona della Lizza, S. Prospero, Fortezza, Ravacciano, Acquacalda, Pispini, S. Rocco a Pilli, così come la presenza dei microchip come richiesto dalla normativa”. Poche le irregolarità evidenziate, per i quali le guardie hanno provveduto per quanto di competenza, senza però emettere sanzioni visto che siamo ancora nella prima fase del progetto. “Un risultato, quindi, più che soddisfacente – ha proseguito Tafani – che conferma la validità della convenzione e la volontà di continuare nell’opera che, tra gli obiettivi, ha quello di sensibilizzare i cittadini per l’adozione di buone regole di comportamento”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Siena, la presenza delle guardie zoofile in città ha già prodotto buoni risultati Siena, la presenza delle guardie zoofile in città ha già prodotto buoni risultati ultima modifica: 2014-05-28T20:41:21+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento