I bambini ripensano le piazze di Milano

Oggi dalle 14.30 alle 19, in piazza Gabrio Rosa si svolge il primo appuntamento del progetto ‘La bussola – orientare la città dei bambini’, promosso dall’assessorato all’Urbanistica del Comune e realizzato da ABCittà, nell’ambito dei fondi V del Piano Infanzia e Adolescenza, ex L. 285/97.

Grazie a questo progetto, 270 bambini delle scuole d’infanzia e primarie, insieme a 20 insegnanti, hanno guardato con occhi nuovi le piazze dei loro quartieri, riscoprendole e “riappropriandosi” degli spazi intorno a cui abitano e si muovono tutti i giorni tra casa, scuola e giardini.

Il progetto si è svolto in tre zone periferiche della città, ponendo un’attenzione particolare su piazza Gabrio Rosa (zona 4), piazza Tirana (zona 6) e piazza Selinunte (zona 7). I bambini hanno osservato le piazze e hanno immaginato quali potevano essere gli elementi di arredo, gli oggetti e i servizi che renderebbero questi luoghi più gradevoli e divertenti. Sono emerse tante idee, eccone alcune: amache per fare ‘pisolini ondeggianti perché in piazza ci si possa anche rilassare’, improvvisazioni teatrali su palchi assemblati ‘perché in piazza ci si possa esprimere’, cartellonistica stradale che cattura l’attenzione dei passanti ‘perché la piazza non è uno spartitraffico’.

Il progetto ‘La bussola’ si conclude con 4 appuntamenti di festa, durante i quali saranno temporaneamente allestite con piccole grandi opere di falegnameria, spazi per le improvvisazioni teatrali, pisolini ondeggianti e altro ancora.

Alle feste in piazza sono invitati a partecipare tutti i bambini di Milano:
10 maggio, piazza Gabrio Rosa
17 maggio, piazza Selinunte
24 maggio, piazza Tirana
8 giugno, festa finale in una piazza del centro cittadino

Tutte le informazioni sul progetto su http://labussolamilano.wordpress.com.

9 su 10 da parte di 34 recensori I bambini ripensano le piazze di Milano I bambini ripensano le piazze di Milano ultima modifica: 2014-05-10T00:07:01+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento