Domenico Caruso primo classificato nei riassunti d’autore del Corsera

“La sintesi è tanto preziosa quanto difficile” si legge nel Corriere della Sera che ha indetto il gioco dell’estate: “un romanzo in sei parole”. Per quanto riguarda l’ultima sfida, riguardante la tragedia shakespeariana condensata, in testa alla classifica figura – fra i tanti concorrenti – il nostro collaboratore Domenico Caruso da San Martino di Taurianova in provincia di Reggio Calabria.  La frase vincitrice collegata ai celebri amanti Giulietta e Romeo è “Stringimi forte, giammai temiam la morte”. Altre sei definizioni di Caruso sono state pubblicate dalle ore 14,59 alle ore 18,03 del 27 agosto 2011, ed esattamente:  1) Fatal binomio fu amore e morte; 2) Amore ci condusse a morte certa; 3) Amore vero non teme la morte; 4) La morte non debella ardente amore; 5) Celeste dono è per amor morire; 6) Stroncato in terra, fiorisce amor lassù. La difficoltà di sintesi è sottolineata dalla redazione del Corsera con la famosa battuta di Voltaire: “Vi scrivo una lunga lettera perché non ho tempo di scriverne una breve”.

Ed ecco la classifica finale del “Corriere della Sera”:

 MESSAGGI IN PRIMO PIANO