Vi cuntu ‘i na’ vota

Vi cuntu ‘i na’ vota e comu si campava

e comu di pocu ognunu si accuntentava

Pi’ tutti ‘nc’èra ‘u sonnu puru pu’ ninnareju

e ‘a matina ‘u cafe d’orgiu o nu’ murzeju

S’incuminciava ‘a matina laurandu

e si passava ‘a jurnata cantantu

Tutti facianu sacrifici pi’ tirari avanti

a nuju sa’ pigghjava mai chi Santi

Pi’ ccui havia ‘a ciuccia da capizza

di l’occhj ‘ncì niscia ‘a cuntintizza

‘Mbeci ‘u carru l’havianu pocu furtunati

e l’autri a pedi sinno a puntati

I scarpi eranu megghju i dui cavaji

ma tutti si mintianu subba e spaji

I cauzi eranu nu’ paru e ‘a sira si lavavanu

e misi subba ‘o vrasceri cusi prestu si asciugavanu

‘A terra si laurava cu’ i voi e aratu

e poi si suminava aundi era scavatu

‘Ntè surchi pocu arrobba si criava

ma era sapurita quandu si mangiava

Du’ ranu eranu boni puru i spichi

e ‘mbiatu puru cui havia n’arbiru ‘i fica

‘Ntà guerra ‘u pani si facia puru ca’ canigghja

e nuju pa’ farina ‘u crivu hìa cchjù u pigghja

A minziornu ‘nta limba jerbi e suriaca

e nuju ti prigava cu’ n’annacata

Si ‘mbivia acqua frisca ‘nta cannata

ca’ i visciri ‘ncì rifriscava pi’ na’ jurnata

‘U porcu era unu e nuju havia tanti vizzi

picchi nc’eranu cchjù jorna ca’ satizzi

‘Nta cascia si tinia ‘u pani pi’ nu’ misi

e cu’ pani e ‘nduja si jasciavanu ‘i spisi

I figghjoli niscianu pi’ manu da mammina

e a babbatula du’ zuccaru si ‘ncì tinia ‘a vicina

S’impasciavanu da’ testa e pedi

e si mintianu ‘nta sporta all’impedi

Muriru tanti giuvini chi partiru pa’ guerra

quandu vulianu ‘a paci subba ‘a ‘sta terra

I morti vinianu atterrati tutti ‘nta na’ fossa

o sutta na’ Cresia aundi s’imbiscavanu tutti l’ossa

I fimmini si facianu sempi i trizzi

e pu’ capijaru ricugghjanu i cujizzi

‘Ntà Missa ‘i masculi havianu u si caccianu u cappeju

mentri i fimmini havianu u s’accuppanu ‘u cirveju

Assai eranu i matrimoni cu’ dubbreri

quandu ‘a soru du’ zitu era cu’ frati da’ mugghjeri

Pi’ cui no’ cadia paru nc’èra sempi ‘a fuitina

e ‘u patri e ‘a mamma ne’ truvavanu ‘a matina

I vecchj turcianu ‘u fusu tantu caru

ca’ ‘u filu sirvia prestu ‘o tilaru

I nanni stavanu cu’ niputi e chi figghj

e i giuvini pa’ forza e a diji pi’ cunsigghj

‘A marva e ‘a camumija pi’ rifriscari

quandu i gudeja si sintianu atturcigghjari

Pi’ carvunchja si usava ‘u sambucu ‘o frundi i spina

mentri pi’ tagghjatini i fulini o l’orina da’ matina

Pi’ cugghjiri l’occhju quandu si sintianu adocchjati

nu’ piattu cu’ ogghju e si sintianu ripigghjati

Subba e ciramiti mintianu nu’ bumbuleju

cusi ricugghja ‘a spurtuna ed era puru beju

I casi eranu friddi e ‘ntè misi ‘mbernali

pi’ bisogni ‘nta culannetta si tinia ‘u rinali

‘U lettu era di gruji ‘o chjnu di lana

aundi si durmia puru pi’ na’ simana

‘Ntè stanzi ‘nterra havianu ‘u sularu

e o capizzu du’ lettu l’acquasantaru

‘O jornu ‘a porta cu’ mandali era sempi aperta

sulu si chjudia cu’ catinazzu all’ura da’ cuverta

‘A sira ‘o vrasceri ca’ Curuna du’ Rusariu si prigava

poi l’anima a Dio e ognunu si curcava

Tutti quanti ‘ntè linzola cadianu pari

c’havianu sulu amuri e sonnura di fari

Sulu i nu’ modu ‘sti Cristiani no’ ponnu muriri

finu a quandu io e vui cuntamu diji

Di tutta ‘sta genti ristaru sulu i figghj

e di tanti puru ditti e cunsigghj

No’ janu truvandu finocchja i timpa e scattaggnoli

e quandu parravanu no’ truvavanu articuli parpagnoli

E allura è megghju pani e cipuja e nu’ morzu i saluti

ca’ quandu si perdi no’ servinu cchjù sordi e vuti

E pi’ ccùi si marita è cuntentu nu’ jornu

ca’ prestu jascia muzzicati e ‘nc’ùnu cornu

E pi’ cùi ammazza ‘u porcu è cuntentu n’annu

ca’ mangia satizzi e da’ saluti faci guadagnu.

 

 

Vi racconto di una volta

Vi racconto di una volta e di come si campava

e come di poco ognuno si accontentava

Per tutti c’era il sonno pure per il bambino

e alla mattina il caffè d’orzo o il “murzeju ” ( pane e peperoncino nell’acqua)

Si incominciava la mattina lavorando

e si passava la giornata cantando

Tutti facevano sacrifici per tirare avanti

ma nessuno se la prendeva mai con i  Santi

Per chi aveva l’asino dalla cavezza

dagli occhi gli usciva la contentezza

Invece il carro ce l’avevano pochi fortunati

e gli altri a piedi altrimenti a calci

Le scarpe erano meglio di due cavalli

ma tutti se li mettevano sopra le spalle

I pantaloni erano un paio e alla sera si lavavano

e messi sul braciere così presto si asciugavano

La terra si lavorava con i buoi ed arato

e poi si seminava dove era scavato

Nei solchi poco roba ( sementa ) si creava

ma era saporita quando si mangiava

Del grano erano buone anche le spighe

e beato pure chi aveva un albero di fichi

Nella guerra il pane si faceva insieme alla crusca

e nessuno per la farina andava a prendere il setaccio

A mezzogiorno nella scodella erbe e fagioli

e nessuno ti pregava a dondolate

Si beveva acqua fresca nella brocca

che le budella gli rinfrescava per una giornata

Il maiale era uno e nessuno aveva tanti vizi

perché c’erano più giorni che salsicce

In una cassa si teneva il pane per un mese

e con pane e ‘nduja si buscavano le spese

I bambini nascevano per mano dell’ostetrica

e la “babbatula” ( stoffa con dentro zucchero ) se glielo teneva la vicina

Si fasciavano dalla testa ai piedi

e si mettevano in un  cesto  all’impiedi

Morirono tanti giovani che sono partiti per la guerra

quando volevano la pace sopra questa terra

I morti venivano sotterrati tutti in una buca

o sotto una chiesa dove si mischiavano tutte le ossa

Le femmine si facevano sempre le trecce

e per i cappellai raccoglievano i capelli caduti

Nella messa i maschi dovevano togliersi il cappello

mentre le donne invece dovevano coprirsi il cervello

Tanti erano i matrimoni doppi

quando la sorella del fidanzato era con il fratello della moglie

Per chi non gli andava bene c’era sempre la fuga

e il padre e la madre non le trovavano la mattina

I vecchi facevano girare il fuso tanto caro

perchè che il filo serviva presto per il telaio

I nonni stavano con i nipoti e con i figli

e i giovani per la forza e a loro per i consigli

La malva e la camomilla per rinfrescare

quando i budella si sentivano attorcigliare

Per i carbonchi si usava il sambuco o foglie di siepe

mentre per i tagli la fuliggine o l’urina della mattina

Per raccogliere l’occhio quando si sentivano adocchiati

un piatto con olio e si sentivano ripresi.

Sopra le tegole si metteva una brocca

così raccoglieva la sfortuna ed era pure bello

Le case erano fredde e nei mesi invernali

nel comodino si teneva il vaso da notte

Il letto era di brattee o pieno di lana

dove si dormiva pure per una settimana

Nelle stanze per terra avevano il solaio

e al capezzale l’acquasantiere

Il giorno la porta con la maniglia era sempre aperta

solo si chiudeva col catenaccio all’ora della coperta

Alla sera al braciere con la corona del rosario si pregava

poi l’anima a Dio e ognuno si coricava

Tutti quanti nelle lenzuola non si lamentavano

perché avevano solo amore e sogni da fare

Solo in un modo questi Cristiani non possono morire mai

fino a quando io e voi raccontiamo di loro

Di tutta questa gente sono rimasti solo i figli

e di tanti pure detti e consigli

Non andavano trovando finocchio nei dirupi e fichi acerbi

e quando parlavano non trovavano articoli “Parpagnoli” ( inventare scuse )

E allora meglio pane e cipolla e un poco di salute

che quando si perde non servono più sordi e voti

E per chi si sposa è contento un giorno

che presto prende morsi e qualche corno

E per chi ammazza il maiale è contento un anno

perchè mangia salsicce e della salute fa guadagno.

Cronaca antica del vissuto nei campi nella prima parte del novecento quando si viveva con poco, ci si accontentava e si stava meglio.