All’òmu di cèntu pinzèri

All’òmu di cèntu pinzèri

cà no’ ‘ncì tòrna cchjù ‘a vìta d’arrèdi

E’ sèmpi chi fùi e scàppa

e amàru cùi di sùtta ‘nci ‘ncàppa

Scàppa di cà fùi di gìa

no’ si sàpi àundi pìgghja o và

No’ si fèrma ‘nu minùtu

màncu u fàci ‘nu salùtu

Tèni frètta e no’ s’incrìsci

di quàndu nèsci a quàndu crìsci

Bàsta u sèmbra cà sèmpi fàci

no’ hàvi mài ‘nu minùtu ‘i pàci

‘A vìta ‘ncì finìsci e no’ sàpi

cà pùru iju ‘nta dùi mètri hàvi u càpi.

All’uomo dei cento pensieri

All’uomo dei cento pensieri

che non gli  ritorna più la vita indietro

È sempre che fugge e scappa

e disgraziato  chi gli incappa

Scappa di quà fugge di là

non si sa dove è destinato o và

Non si ferma un minuto

neanche per fare un saluto

Ha sempre fretta e non si annoia

da quando nasce a quando diventa adulto

L’importante è che sembri che sempre faccia

non ha mai un minuto di pace

La vita gli finisce e non sa

che anche lui in due metri devi entrare

La vita è un bene prezioso, non va sprecata ma assaporata in tutta la sua interezza. L’essere umano dovrebbe meditare più spesso e ritrovare i valori che abbiamo perso! Vivi come se dovessi morire domani. Impara come se dovessi vivere per sempre.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin