L’àcqua ‘u vèntu e anùri

L’àcqua ‘u vèntu e anùri’

‘Na’ vòta ‘nc’èranu l’àcqua ‘u vèntu e anùri

chi lavuravànu sùtta a nu’ gnùri

‘O jòrnu èranu sèmpi anìta

e ògni tàntu si faciànu na’ partìta

‘U gnùri nu’ jòrnu dicìdi ca’ i vòli vindìri

e ‘ncì dìci di cà vì ‘ndì hàviti a jìri

Prìma si vìndiu ‘u vèntu tradimèntusu

chi s’azzìcca sèmpi ‘nta ògni pirtùsu

Pòi tòcca ‘a l’àcqua ‘nta na’ gùtti chìna

Ca’ di vìnu vùlia u sà jìnchi ‘a matìna

Pòi pàssa anùri ca’ di tàntu tèmpu hàvia

pinzàndu cà ‘u truvàva a ògni vìa

Tùtti partìru cu’ ràndi lamèntu

e ‘u prìmu a parràri fù ‘u fòrti vèntu

“Quàndu mi vòi gnùri su arrèdi e muntàgni

e io prèstu ti tòrnu d’arrèdi e carcàgni”

Pòi tòcca a l’àcqua “Si mi vòi di nòvu vidìri

io pùru du’ cèlu tòrnu a scindìri”

Arrèdi rèsta sùlu l’anziànu anùri

chi no’ ‘ncì dicìa aùndi vàci o gnùri

Allùra ‘u gnuri ‘ncì dìci “Aùndi ti hàiu a truvàri

si ti vògghju di nòvu cu’ mìa a lavuràri?”

Anùri ‘ncì rispùndi “ E’ ‘nutìli cà mi vèni a circàri

cà pì quàndu mi pèrdi nò mi pòi cchjù truvàri!”

L’acqua il vento e l’onore

Una volta c’erano l’acqua il vento e l’onore

che lavoravano sotto ad un padrone

Di giorno erano sempre insieme

e ogni tanto si facevano una partita

Il padrone un giorno decide di venderli

e gli dice di qua dovete andare via

Prima si è venduto il vento che tradisce

che si ficca sempre dentro a ogni buco

Poi tocca a l’acqua in una botte piena

perché di vino voleva riempirsela alla mattina

Poi passa all’onore che da tanto tempo possedeva

pensando che lo trovava ad ogni via

Tutti partirono con grande lamento

il primo a parlare fù il forte vento

“Quando mi vuoi padrone sono dietro alle montagne

e io presto ti torno dietro i calcagni”.

Poi tocca all’acqua:” Se mi vuoi di nuovo vedere

io pure dal cielo torno a scendere”.

Indietro rimane solo l’anziano onore

che non gli diceva dove va al padrone

Allora il padrone gli dice:”Dove ti devo trovare

se ti voglio con me di nuovo a lavorare?”

L’onore gli risponde.: “ È inutile che mi viene a cercare

perchè per quando mi perdi non mi puoi più trovare”.

Nella vita dell’uomo ritorna tutto. La poesia aiuta a meditare sui veri valori del vivere, da conservare come l’onore, virtù antica. La  pace del cuore nasce dalla coscienza di fare ciò che riteniamo giusto e doveroso, non dal fare ciò che gli altri dicono e fanno.